Roberto Spada torna libero, festa choc a Ostia: «Accolto in piazza dai fuochi d'artificio»

Il numero uno del clan sinti era stato arrestato nel 2017, in seguito all'aggressione ai danni del giornalista Rai Daniele Piervincenzi

Roberto Spada torna libero, festa choc a Ostia: «Accolto in piazza dai fuochi d'artificio»

Roberto Spada torna libero e l'uscita dal carcere è in grande stile. Il boss del clan sinti di Ostia, diventato famoso dopo una testata in diretta tv al giornalista Daniele Piervincenzi, è stato celebrato con fuochi d'artificio in piazza. Era detenuto nel carcere di Tolmezzo ed è stato «dimesso per espiazione della pena», anche se per lui sono in piedi altri procedimenti giudiziali, per i quali occorrerà attendere il giudizio della Cassazione. 

Ladri d'auto di lusso si fermano al McDonald's dopo un furto, la polizia li individua e li arresta FOTO

Tiktoker sventa una rapina e viene picchiata in metro a Milano: «Le ho filmate, ma la polizia...»

Fuochi in piazza per il boss

Gli Spada sono stati riconosciuti come «clan di mafia» da una sentenza della Cassazione, ma Roberto Spada è adetto tornato a piede libero e domenica 2 ottobre, a piazza Gasparri a Ostia, sono stati esplosi i fuochi d’artificio in suo onore. Era stato arrestato il 9 novembre del 2017, proprio per l'aggressione al giornalista Rai Daniele Piervincenzi, che stava realizzando un servizio per il programma “Nemo-Nessuno Escluso”. 

 

L’aggressione avvenne davanti alla palestra di boxe che gestiva l’esponente della famiglia sinti. Indagato per i reati di lesioni e violenza privata aggravati dai futili motivi e dal metodo mafioso, Spada è stato recluso nella sezione “alta sicurezza 3” del carcere di Tolmezzo, in provincia di Udine. Da venerdì è di nuovo un uomo libero.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 6 Ottobre 2022, 16:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA