Verona, ragazza di 27 anni trovata morta in casa dal fidanzato: «È stata una morte violenta». Si indaga per omicidio

Video
di

Il quadro è quello di un omicidio, ma c'è riserbo degli inquirenti. Una giovane, Chiara Ugolini, 27 anni, nella serata di domenica è stata ritrovata morta, in un lago di sangue, in un appartamento a Calmasino di Bardolino (Verona), una zona collinare sopra il lago di Garda. Sul posto i carabinieri che hanno solo confermato «che la morte è avvenuta in modo violento»

 

Secondo le prime informazioni raccolte sembra che la giovane, che lavorava in una gelateria del posto e si era trasferita da Fumane (Verona), in Valpolicella, sul lago di Garda per vivere con il compagno, ieri pomeriggio non si sia presentata al lavoro «e il compagno l'avrebbe trovata morta, in un lago di sangue».

 

 

Chiara Ugolini è stata trovata morta ieri sera verso le 22 nella sua casa in via Verona 42 a Calmasino. La ragazza è stata trovata sul pavimento supina forse in sala con una macchia di sangue sotto la testa non di grande dimensioni.

 

 

La ragazza, dipendente in un negozio del padre del fidanzato aveva smesso di lavorare alle 14 ed era andata a casa a riposare perché poi avrebbe dovuto tornare al lavoro alle 18 di ieri. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, non vedendola tornare, il fidanzato averebbe telefonato più volte senza ottenere risposta. Andato nell’abitazione di Calmasino ha trovato la compagna a terra insanguinata e ormai priva di vita.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 6 Settembre 2021, 10:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA