Aereo precipitato, gli otto italiani morti: l'assessore Tusa, Paolo Dieci, tre volontari e tre ragazze giovanissime
di Simone Pierini

Aereo precipitato, gli otto italiani morti: l'assessore Tusa, Paolo Dieci, tre volontari e tre ragazze giovanissime

A bordo del volo della Ethiopian Airlines precipitato ieri mattina sei minuti dopo il decollo da Addis Abeba c'erano anche otto italiani. I 149 passeggeri e gli otto membri dell'equipaggio sono tutti morti nello schianto. I nomi degli italiani morti: Paolo Dieci, Sebastiano Tusa, Gabriella Vigiani, Matteo Ravasio, Maria Pilar Buzzetti, Virginia Chimenti, Rosemary Mumbi e Carlo Spini

Aereo caduto in Etiopia, Virginia Chimenti e la sua Africa: «Morta a 26 anni, ha vissuto dieci vite»



I tre volontari fanno parte di una onlus con sede a Bergamo e che opera nell'area: uno di loro è il presidente della onlus Africa Tremila Carlo Spini, la moglie Gabriella e il commercialista bergamasco Matteo Ravasio. Morto anche Paolo Dieci, residente a Roma, presidente della ong Cisp e rete LinK 2007, un'associazione di coordinamento consortile che raggruppa importanti Organizzazioni Non Governative italiane. Nella lista dei passeggeri figura anche l'assessore ai Beni Culturali della Regione Siciliana Sebastiano Tusa, archeologo di fama internazionale, Sovrintendente del Mare della Regione. Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci è in contatto da stamane con l'Unità di crisi del ministero degli Esteri.
 
 

Carlo Spini, la moglie e Matteo Ravasio: i tre volontari della onlus Africa Tremina
Chi era Sebastiano Tusa, italiano morto nell'incidente aereo
Paolo Dieci, era di Roma una delle vittime italiane


Tra le vittime ci sono anche i nomi di Virginia Chimenti, funzionaria del World Food Programme dell'Onu, Rosemary Mumbi e Maria Pilar Buzzetti. Lo si apprende da fonti diplomatiche. 

Virginia e Maria Pilar lavoravano per l'Onu: ecco chi sono le giovanissime italiane morte
Aereo per Nairobi precipita: 157 morti. «Otto italiani a bordo, legati a onlus»
Ethiopian Airlines, i precedenti: 57 incidenti aerei nella storia della compagnia aerea

Tusa era diretto in Kenia, per un progetto dell'Unesco, dove era già stato nel Natale scorso insieme con la moglie, Valeria Patrizia Li Vigni, direttrice del Museo d'Arte contemporanea di Palazzo Riso a Palermo.​ «Ho appena ricevuto la conferma ufficiale dell'Unità di crisi del ministero degli Esteri: l'assessore Sebastiano Tusa era sull'aereo precipitato in Etiopia. Sono distrutto. È una tragedia terribile, alla quale non riesco ancora a credere: rimango ammutolito. Perdo un amico, un lavoratore instancabile, un assessore di grande capacità ed equilibrio, che stava andando in Kenya per lavoro. Un uomo onesto e perbene, che amava la Sicilia come pochi. Un indimenticabile protagonista delle migliori politiche culturali dell'Isola». È il messaggio di cordoglio del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.
 
 

Lo Ceo dell'Ethiopian Airlines, Tewolde Gebremariam, ha comunicato ai giornalisti un primo elenco delle nazionalità dei passeggeri che si trovavano a bordo dell'aereo precipitato, confermando di nuovo la presenza di otto italiani. Ha parlato poi di sette britannici, sette francesi, 18 canadesi, 32 kenioti, 9 etiopi, otto statunitensi e otto cittadini cinesi. Tra le vittime del volo dell'Ethiopian Airlines diretto a Nairobi, precipitato questa mattina pochi minuti dopo il decollo, a quanto apprende l'Adnkronos, c'è anche Joana Toule, una giovane donna inglese che venerdì scorso ha festeggiato il suo compleanno a Roma, dove viveva dall'agosto scorso. Toule lavorava alla Fao nel settore Pesca, e il suo viaggio a Nairobi era legato a un impegno professionale. 
Domenica 10 Marzo 2019, 13:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA