Si innamora di una ragazza canadese su un'app di incontri: lei si trasferisce in Europa, lui la uccide a coltellate

La ragazza lo aveva raggiunto in Gran Bretagna dal Canada ed è stata uccisa due giorni prima del suo ritorno a casa. L'assassino riceverà l'ergastolo

Si innamora di una ragazza canadese su un'app di incontri: lei si trasferisce in Europa, lui la uccide a coltellate

L'omicidio di Ashley Wadsworth, 19enne uccisa a coltellate nel petto lo scorso febbraio in Gran Bretagna, ha il suo colpevole. Si tratta di Jack Sepple, fidanzato della ragazza, conosciuto su un'app di incontri pochi mesi prima. Il primo e unico sospettato ha ammesso le sue colpe dopo più di sei mesi. «Sono stato io», le parole pronunciate mercoledì mattina davanti al giudice Chelmsford Crown Court.

«Donna morta dopo essere stata stuprata da 22 uomini». La polizia: «Fake news», ma è bufera sui social

Stupro a Monza, donna aggredita in pieno centro da un 26enne di origine marocchina: arrestato

 

Uccide ragazza di 19 anni, riceverà l'ergastolo

Jack Sepple (23 anni) ha ucciso Ashley Wadsworth in una casa a Tennyson Road, Chelmsford, nell'Essex, il 1° febbraio 2022. I due si erano conosciuti su un'app di incontri, come fanno migliaia di ragazzi in tutto il mondo. Lei, canadese, aveva avuto un visto di sei mesi e si era trasferita per lui in Gran Bretagna nel novembre del 2021. Sui social hanno condiviso diverse foto insieme, prima del terribile giorno.

L'ammissione di colpevolezza è arrivata mercoledì 7 settembre in Tribunale, nella Chelmsford Crown Court. A domanda diretta l'uomo ha semplicemente risposto: «Mi dichiaro colpevole». Ora resterà in custodia cautelare fino alla sentenza del Tribunale. L'udienza è fissata a data da destinarsi. Il suo destino sembra comunque segnato. Il giudice Christopher Morgan ha detto a Sepple: «Con la tua dichiarazione di colpevolezza di omicidio c'è solo una sentenza che può essere emessa ed è l'ergastolo».

 

 

Cosa è successo

La polizia è accorsa dopo la segnalazione di alcuni vicini, che avevano denunciato disordini domestici e ha trovato il corpo della ragazza disteso nel letto e dilaniato dalle ferite. Nonostante l'intervento dei paramedici, non c'è stato nulla da fare. Il 23enne è stato immediatamente arrestato come sospettato principale dell'omicidio della ragazza. Reato ammesso solo sei mesi più tardi. Tova Wadsworth, prozia della vittia, ha raccontato che quello di Ashley in Gran Bretagna era il «viaggio di una vita». Sarebbe dovuta tornare a casa appena due giorni dopo la sua morte.

Scott Egerton, uno degli investigatori che ha lavorato al caso, ha dichiarato: «Oggi Jack Sepple ha ammesso di aver ucciso Ashley Wadsworth. Le prove contro di lui erano così schiaccianti che non poteva fare altro che ammettere la sua colpa. L'ammissione di oggi significa che alla famiglia di Ashley sarà risparmiato il dolore di dover affrontare un processo. Spero che oggi possano provare una qualche forma di conforto sapendo che Sepple affronterà una notevole quantità di tempo dietro le sbarre per le sue azioni», ha concluso.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Settembre 2022, 19:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA