«Donna morta dopo essere stata stuprata da 22 uomini». La polizia: «Fake news», ma è bufera sui social

Il caso ha avuto un'ampia risonanza sui social, condiviso con l'hashtag #ArtisticMillinersRapeCase

«Donna morta dopo essere stata stuprata da 22 uomini». La polizia: «Fake news», ma è bufera sui social

Un caso di presunto stupro sta agitando l'opinione pubblica in Pakistan. Una donna sarebbe stata violentata da 22 uomini per una notte intera, fino a perdere la vita la mattina seguente. La notizia arriva da Karachi, la megalopoli costiera capitale economica del Paese. La violenza sarebbe avvenuta in uno stabilimento che produce capi d'abbigliamento jeans per la multinazionale Artistic Milliners. Una notizia bollata però dalla polizia locale come «fake news», mossa che ha provocato un'ondata di sdegno sui social media. Secondo molti utenti, la ditta proprietaria della fabbrica avrebbe cercato di insabbiare la storia. 

Stupro a Monza, donna aggredita in pieno centro da un 26enne di origine marocchina: arrestato

La risposta della polizia

Secondo quanto affertmato dalla polizia in un documento ufficiale diffuso ai media, si tratta di «un tentativo di diffamare la reputazione dell'azienda da parte del giornalista Sagir Buledi, membro della Sindh Sajagi Labour Federation, che gestisce il falso canale Dhoom plus su Facebook». Secondo il distretto di polizia, la notizia sarebbe stata creata ad arte per diffamare l'azienda, che è un punto di riferimento commerciale a Karachi e in tutto il Pakistan. Il capo del distretto Muqaddas Haider ha aggiunto: «Nessuno ha dettagli su chi fosse la presunta vittima, dove viveva, dove è stato portato il suo corpo, quale stazione di polizia ha indagato sulla questione o dove è stata eseguita l'autopsia».

 

La bufera social

Il caso ha avuto un'ampia risonanza sui social, condiviso con l'hashtag #ArtisticMillinersRapeCase. Secondo chi ha diffuso la notizia, la donna stuprata sarebbe stata una dipendente della fabbrica, che lavorava presso l'unità 4, si legge su "MM News". La donna sarebbe rimasta in fabbrica per gli straordinari che le erano stati richiesti e sarebbe stata prima drogata e poi violentata da 20-22 uomini, per tutta la notte. La donna sarebbe anche stata torturata, con mozziconi di sigaretta spenti sulla sua pelle. Tutte le informazioni diffuse non sono però state confermate.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 7 Settembre 2022, 14:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA