Huawei Watch GT Pro II, il nuovo smartwatch con tante luci e un’ombra
di Lorenzo Capezzuoli Ranchi

Huawei Watch GT Pro II, il nuovo smartwatch con tante luci e un’ombra

Un accessorio tanto bello da indossare quanto funzionale. Il nuovo Watch GT Pro II, lo smartwatch di alta gamma di Huawei piace, considerando i tanti alti e i pochi bassi. In primis, già aprendo la confezione, ci si accorge di avere tra le mani uno strumento realizzato elegantemente: la finitura della cassa in titanio (disponibile nera o grigia) e l’enorme display ricordano davvero un orologio analogico di alta gamma, grazie anche alle tacche dei 5 secondi che sono incise nel vetro zaffiro del quadrante. Lo schermo poi, Amoled da quasi 1,40 pollici in HD, è luminoso e di facile attivazione, lettura e consultazione in tutte le condizioni. Ogni tanto però, l’accensione dello schermo necessita di una frazione di secondo per l’aggiornamento dell’orario.

Leggi anche > Le novità di Huawei: dagli auricolari senza fili agli orologi smart

Il pieno di tecnologia… o quasi

La cosa divertente di questo Huawei Watch GT Pro II è la sensazione di avere al polso uno strumento molto ben congegnato, dal punto di vista dei materiali e della linea: si adatta perfettamente al polso e con la App Huawei Health la configurazione iniziale dura davvero pochi minuti. Da quel momento si ha accesso a una serie di utili features che migliorano anche la nostra giornata: oltre a barometro, altimetro, informazioni meteorologiche, la rilevazione del battito cardiaco e del sonno (cui ci sentiamo ormai già abituati), il Watch GT Pro II presenta una serie di esercizi di respirazione per ridurre lo stress, piani di allenamento differenziati e personalizzati, ma anche l’utilissimo strumento per rilevare la saturazione sanguigna nel nostro corpo (valore importantissimo per la lotta al Covid). Dal polso poi si può gestire praticamente tutto: dai dati biometrici alla playlist da ascoltare (ma anche riprodurre e salvare nella memoria, 4GB, dello smartwatch stesso), fino alle telefonate. Che si possono effettuare parlando direttamente attraverso l’orologio, dotato di casse e microfono: funzione utilissima per chi ha le mani occupate, o per chi vuole sentirsi un novello agente segreto.

Molto cool anche la possibilità di regolare da polso lo scatto delle fotografie, per evitare vari tentativi di autoscatto sempre mossi: per averne accesso però si deve avere uno smartphone Huawei. L’unica vera e grande pecca riguarda la gestione delle notifiche di messaggistica del software installato: lascia interdetti il fatto che con uno smartwatch così studiato come il Watch GT Pro II, Huawei non abbia pensato a un sistema che permetta di eliminare, rispondere (anche con risposte di default basilari), archiviare messaggi e email, che invece si possono solo consultare sullo schermo, e nulla più. Si tratta di una mancanza pesante e che, se si da uno sguardo al mercato, appare già disponibile in modelli molto meno prestigiosi e a buon mercato rispetto al Watch di Huawei. Delicate invece le notifiche: attraverso una singola e puntuale vibrazione del dispositivo, ci si accorge subito e senza fastidio della novità consultabile al polso.

In allenamento

Tanto per i runners quanto per gli appassionati di altri sport il Watch GT Pro II si dimostra un compagno molto affidabile e preciso: oltre al grande numero di attività già pre-registrate (dalla corsa al golf, dal canottaggio allo sci e poi triatlon, ellittica, yoga…) i dati registrati sono dettagliati così come il report di fine attività e delle statistiche di allenamento. Durante la corsa poi ad intervalli regolari dalla cassa dell’orologio una voce comunica informazioni relative alla velocità, al passo e al battito cardiaco, così da evitare di curiosare sul display e distrarsi in allenamento. Attenzione però al GPS: ogni tanto, soprattutto nelle aree urbane più dense, l’aggancio del segnale satellitare richiede un po’ più del previsto.

La batteria

La durata di una carica, utilizzando il dispositivo quotidianamente e più volte al giorno si consuma circa il 10% al giorno, portando quindi orientativamente la durata della batteria fino a 10-12 giorni. In più molto pratica e funzionale la base di ricarica wireless fornita in dotazione insieme al Watch GT Pro II: basta appoggiare il retro dell’orologio e lui magneticamente attiva la ricarica.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Ottobre 2020, 12:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA