Fedez contro: il bersaglio era Salvini, ma la gogna mediatica ora è tutta per la Rai. La vicedirettrice Capitani nel mirino
di Marco Castoro

Fedez contro: il bersaglio era Salvini, ma la gogna mediatica ora è tutta per la Rai. La vicedirettrice Capitani nel mirino

Alla fine anche Fedez se ne sarà convinto. Alzare il tiro e aizzare la gogna mediatica finisce sempre per spostare l’obiettivo. I cattivi sono diventati i dirigenti di Rai3, non quei politici che si sono espressi con frasi indegne e vergognose.

Adesso è Fedez contro la Rai, con la Lega che esce dalla finestra della stanza dell’omicidio mentre si apre la porta di Viale Mazzini con l’ad Salini che chiede l’indagine interna e la commissione di Vigilanza che convoca i vertici di Rai3.

Con lo stesso direttore Franco Di Mare, in quota 5 Stelle, scaricato dal nuovo leader del movimento, Conte, che ha dato ragione a Fedez. Dalla versione integrale del video si sente il vicedirettore Ilaria Capitani ripetere che la Rai non censura nessuno «assolutamente». Dettagli. Tanto per la cagnara politica conta solo il tiro al bersaglio Rai e alle poltrone da lottizzare.

 

Frankie hi-nrg mc su Leggo: «Fedez? Giusto far sapere ai giovani che il Ddl Zan difende i più deboli»

 

Mario Adinolfi su Leggo: «Fedez? Una forzatura, preferisco Pio e Amedeo»

 

Il ciclone Fedez, dal live del Primo Maggio ora si abbatte sulla politica: Letta e Conte con lui, Salvini lo invita per un caffé


Ultimo aggiornamento: Lunedì 3 Maggio 2021, 08:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA