Coronavirus, la laurea diventa abilitante: in arrivo diecimila medici pronti a intervenire

La laurea in medicina diventa automaticamente abilitante per l'esercizio della professione. In piena emergenza Coronavirus, la decisione consentirà di immettere subito, a disposizione del Servizio sanitario nazionale, 10mila nuovi medici pronti a intervenire nella cura dei pazienti contagiati.

Leggi anche > Elena Santarelli rimprovera gli italiani: «Non vi lamentate: noi siamo chiusi in casa, altri in ospedale da mesi»



Come annunciato dal ministro dell'Università, Gaetano Manfredi, la decisione rientra nell'ambito del decreto Cura Italia: «Cogliamo questo momento di difficoltà per adeguarci per sempre e con positività anche alle esigenze di una società che cambia. Fronteggiare l'emergenza Coronavirus significa dare risposte immediate ma con una visione che consentano all'Italia di guardare in prospettiva al medio-lungo periodo, l'Università rappresenta il motore dello sviluppo del Paese, la testa che guida verso il cambiamento e deve saper dare l'esempio a tutti gli altri. Il sistema universitario ha sin dall'inizio mostrato grande collaborazione e capacità di adeguarsi rapidamente alle nuove esigenze poste da questa emergenza, e di questo ringrazio la Crui e tutti i rettori. In questa direzione, mi sono sentito di chiedere un ulteriore sforzo, sempre nell'interesse dei nostri studenti, a cui stiamo assicurando la continuità didattica, proponendo di posticipare anche il pagamento delle tasse universitarie al 30 maggio».
Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Marzo 2020, 20:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA