Oggi via al primo giorno di scuola, ma part-time: mancano i docenti, l'orario è ridotto

Oggi via al primo giorno di scuola, ma part-time: mancano i docenti, l'orario è ridotto

di Lorena Loiacono

Si torna in classe senza mascherina e con il compagno di banco ma mai perdere di vista l'orario scolastico: mancano i docenti e, di giorno in giorno, saltano le ore. È arrivato il momento di tornare a scuola: oggi infatti suona la campanella per la maggior parte degli studenti e, in una settimana, rientreranno in classe praticamente tutti, vale a dire 7.286.151 alunni per un totale di 366.310 classi. Oggi infatti è il primo giorno di scuola, ufficiale, negli istituti delle regioni Abruzzo, Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e nella Provincia di Trento ma ci sono anche molte scuole che giocheranno d'anticipo in altre regioni, come il Lazio, che aprono ufficialmente l'anno il 15.

Scuola, l'assessora Scavuzzo: «A Milano tornano il pre e post asilo, ma non ci sono assistenti educativi»

Scuola, l'assessora Pratelli: «Nei nidi di Roma oltre mille bimbi in più, e tempo pieno in altri 59 istituti»

Caos supplenti e orario ridotto

 

Si gioca d'anticipo per recuperare giorni utili dibatte l'anno, in vista dei ponti, ma gli istituti non sono pronti a partire pieno regime. Il motivo è generale: mancano ancora all'appello i docenti da mettere in cattedra. Da Roma a Milano la situazione è la stessa. Le immissioni in ruolo sono state fatte, anche in anticipo rispetto al passato, ma per la chiamata dei supplenti il caos è generalizzato. Le Gps, vale a dire le graduatorie provinciali dei supplenti, hanno presentato tanti errori e per le correzioni sono state ripubblicate più volte. Con inevitabili ritardi nelle chiamate. A Milano e provincia, ad esempio, i nominativi sono arrivati solo venerdì pomeriggio ma gli orari erano già pronti. E allora accade che, almeno per la prima settimana, le lezioni vengono ridotte mediamente di due ore al giorno. Anche nella Capitale ci si sta organizzando così: gli alunni del tempo pieno escono nella maggior parte dei casi dopo la mensa, mentre alle medie e superiori il taglio medio è di un'ora.

In classe senza mascherina e addio Dad

 

Ma questo che sta partendo sarà anche l'anno del ritorno alla normalità: la scuola che accoglierà oggi gli alunni sarà senza restrizioni anti-cpvid, almeno fino a nuove disposizioni. Significa che non sarà obbligatoria la mascherina e che non bisognerà restare distanti, soli al banco. I monoposto infatti, per motivi di spazio, potrebbero tornare ad affiancarsi per ritrovare il compagno di banco sparito ormai da due anni. Ma torna anche l'ora di punta: l'incognita infatti, soprattutto nelle grandi città come Roma e Milano, è capire se il trasporto pubblico reggerà il peso dell'orario unico, uguale per tutti.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 12 Settembre 2022, 20:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA