Roma, al mare è allarme stagionali: hotel, lidi e ristoranti senza 20% di personale. «Colpa del reddito di cittadinanza»

Roma, al mare è allarme stagionali: hotel, lidi e ristoranti senza 20% di personale. «Colpa del reddito di cittadinanza»

Sul litorale romano e del Lazio è allarme per il personale stagionale. Con la ripresa delle attività turistiche dopo le restrizioni Covid, le imprese del settore cercano lavoratori stagionali, ma con successo altalenante: un posto di lavoro su cinque, quest'anno, è infatti rimasto vacante. Lo scrive Fabio Rossi sul quotidiano Il Messaggero, che sottolinea come la crisi riguardi tutti quei giovani (soprattutto) che in estate lavorano in hotel, ristoranti, stabilimenti balneari e affini.

Decreto Aiuti bis, le misure: dalle pensioni rivalutate del 2% al risparmio su bollette e benzina

I dati vengono dal report del centro studi di Anpit Azienda Italia, associazione nazionale per l'industria e il terziario: circa il 70% delle imprese del Lazio lamenta una carenza di stagionali tra il 16 e il 24% del personale. Difficoltà legate in primis a un problema demografico (380mila residenti in meno dal 1992 ad oggi nella fascia 18-30 anni), ma c'è anche il solito problema spesso accusato in questi casi, quello del reddito di cittadinanza. «C'è una percentuale di chi rifiuta un lavoro stagionale perché non vuole perdere il reddito di cittadinanza - sostiene Cesare Bianchi, presidente di Anpit Lazio - Altri declinano per motivi personali non bene specificati e il 40 per cento dice no perché preferisce passare i mesi estivi viaggiando o studiando».


Per ovviare al problema insomma gli imprenditori del settore sono costretti a inventarsi soluzioni nuove: come Zoomarine, il grande parco acquatico dei divertimenti di Torvaianica, il cui amministratore delegato Renato Lenzi spiega: «Siamo stati i più attivi sui social, per presentare in maniera accattivante le varie tipologie di lavoro che offriamo nei mesi estivi. Basti pensare che abbiamo ben 150 mila followers su TikTok. Dobbiamo ringraziare i nostri lavoratori stagionali più fedeli, in buona parte studenti universitari, che sono tornati anche quest'anno».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 1 Agosto 2022, 17:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA