Testa mozzata di lupo su un cartellone stradale (con una scritta misteriosa): il giallo sulle montagne di Sondrio

L'orrenda scena potrebbe essere un avvertimento rivolto ai curatori del progetto Wolfsalp Eu

Testa mozzata di lupo su un cartellone stradale (con una scritta misteriosa): il giallo sulle montagne di Sondrio

Una scena macabra. La testa mozzata di un lupo appesa sul cartello d'ingresso al comune di Era di Samolaco, in provincia di Sondrio. E sotto un lenzuolo bianco con la scritta fatta con lo spray nero: «I professori parlano, gli ignoranti sparano». Un orrendo trofeo, tra l'altro penalmente perseguibile perché il lupo appartiene alle specie protette, che nella notte qualcuno ha posizionato in modo che non potesse passare inosservato. Lo striscione dell'orrore era già lì al mattino presto, visto da chi passava per andare al lavoro, ma chi abita nelle vicinanze non ha sentito nulla di atipico.

Rosco, il cane eroe: si fa sbranare da un branco di lupi per salvare la padroncina e la sua mamma

Il giallo della testa mozzata

«Sono sceso al bar qui sotto il municipio per bere un caffè ed è in quel momento che i presenti mi hanno avvisato» ha detto al quotidiano La Provincia di Sondrio, il sindaco del comune, Michele Rossi, che dopo aver visto con i suoi occhi, ha sporto denuncia alle forze dell'ordine.

«É presto per trarre conclusioni ha riferito al giornale», il colonnello dei carabinieri Andrea Turco, «sicuramente, quella rinvenuta è la testa di un canide, però per essere sicuri al 100% che si tratti di un lupo occorre aspettare il responso delle analisi genetiche...In ogni caso, di abbattimento illecito si tratta, sia si parli di lupo sia di cane, dopodiché, dovesse trattarsi di lupo, saremmo nel campo dell’abbattimento di specie particolarmente protetta».

Orsa morta durante intervento di routine in Trentino, Oipa sgomenta: «Vogliamo sapere cosa è successo»

Secondo una prima ricostruzione, potrebbe trattarsi di un gesto collegato a vendette personali a scopo intimidatorio oppure una forma di protesta contro chi difende il ritorno del lupo in natura. La scritta eloquente,  «i professori parlano, gli ignoranti sparano», secondo il giornale di Sondrio potrebbe riferirsi ai curatori del progetto, Life Wolfsalp Eu.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Settembre 2022, 17:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA