Alessandra, 37anni, malata di leucemia, cade in ospedale e muore. Indagati quattro medici

Alessandra, 37anni, malata di leucemia, cade in ospedale e muore. Indagati quattro medici

Quattro medici sono indagati dalla Procura di Monza in un'inchiesta per omicidio colposo, dopo che una donna di 37 anni, Alessandra Iannunzio, malata di leucemia e ricoverata in ospedale al San Gerardo di Monza, è morta dopo una caduta.

Mamma uccide figlioletto di 3 mesi: «Non ricordo niente, ma lo amavo»

Il caso risale a metà ottobre: la Procura ha iscritto nel registro degli indagati i 4 medici dopo la denuncia del marito sulla mancanza di «assistenza» e «controllo» e sulla «imperizia» del personale dell'ospedale. ​La 37enne, che stava passando la notte nella struttura, è caduta a terra forse dopo essersi alzata per andare in bagno, ha sbattuto la testa e il giorno dopo è morta dopo essere stata operata per un'ematoma

Emanuele Tiberi, la tragica svolta: «Ucciso per un gioco fatale». Un pugno lo mandò in coma



Alessandra, come spiegato nella denuncia del marito Antonio Matera, 40 anni, assistito dal legale Stefano De Cesare, il 13 ottobre «veniva ricoverata» nel reparto malattie infettive nonostante fosse «vulnerabile alle infezioni». Nel cuore della notte, il marito veniva avvisato che «era caduta». Stando alla denuncia, l'uomo avrebbe ricevuto «dichiarazioni contraddittorie» sul «luogo in cui è stata rinvenuta» dopo la caduta e sull'operazione a cui venne sottoposta, prima di morire. 

INDAGATI 4 NEUROCHIRURGHI Da quanto si è saputo, nell'inchiesta per omicidio colposo, coordinata dal pm Carlo Cinque, sono indagati 4 neurochirurghi che si sono occupati delle condizioni della donna dopo la caduta e gli inquirenti sono in attesa degli esiti complessivi degli esami autoptici effettuati nelle scorse settimane. Come ricostruito nella denuncia presentata ai carabinieri, alla donna era stata diagnostica la leucemia lo scorso luglio ed era già in cura al San Gerardo dove, a inizio ottobre, aveva fatto «l'ultima somministrazione» di chemioterapia.

La mattina del 13 ottobre aveva cominciato ad avere febbre alta, che non si abbassava, e un principio di infezione polmonare e da qui la decisione del ricovero al San Gerardo, dopo che la donna era passata per il pronto soccorso. Veniva collocata, come si legge nella denuncia, «presso il reparto malattie infettive, nonostante il valore dei globuli bianchi fosse basso e quindi soggetto vulnerabile alle infezioni». Il marito rimase alcune ore in ospedale con lei e poi «durante la sera e fino alla mezzanotte ho scambiato dei messaggi con mia moglie che si lamentava per la febbre alta».

Verso le 2,30 del 14 ottobre, l'uomo ricevette una telefonata dall'ospedale che lo informò che la moglie era caduta «e si era procurata un piccolo ematoma e pertanto la stavano intubando e trasferendo in neurochirurgia». Dopo l'operazione una dottoressa informò l'uomo che «le condizioni di Alessandra erano gravissime». E poi il 15 ottobre «abbiamo cercato di far fare ancora qualcosa ai medici lì presenti», ma nel tardo pomeriggio veniva dichiarato il decesso. Il marito ha denunciato di aver avuto dichiarazioni «contraddittorie» sul «personale che ha eseguito l'operazione» e sul luogo in cui è caduta la donna, oltre a lamentare la «imperizia di chi ha deciso di ricoverare mia moglie in un reparto non confacente alla sue condizioni di salute».

Martedì 4 Dicembre 2018, 13:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA