Mottarone, come sta il piccolo Eitan. La speranza dei medici: «Primi segnali di risveglio»

Video

Mottarone, si continua a sperare per il piccolo Eitan. Per il bambino, unico sopravvissuto alla tragedia della funivia di domenica scorsa, i medici parlano di «primi segnali di risveglio».

 

Leggi anche > Mottarone, la cabina è saltata in aria a 100 km all'ora: «Un volo di 54 metri». L'ipotesi della forchetta

 

 «Il risveglio è partito, la risposta del bambino è positiva. Comincia a dare i primi segnali di risveglio con colpi di tosse e alcuni momenti di respiro spontaneo» - ha spiegato Giovanni La Valle, direttore generale della Città della Salute di Torino - «In termini precauzionali stiamo andando con più calma e attenzione proprio perché la situazione del bambino è critica, seppur abbiamo dei segnali positivi».

 

Leggi anche > Mottarone, il video del tragico volo della cabina: «La funivia indietreggia»

 

 

 

Il piccolo Eitan, che ha perso tutta la sua famiglia (il papà, la mamma, il fratellino e i bisnonni materni), è ricoverato in rianimazione all'ospedale Regina Margherita di Torino, seguito dal direttore del reparto Giorgio Ivani e dalla sua equipe. «La situazione clinica resta critica e la prognosi resta riservata. Il bambino è ancora intubato. Se andiamo avanti in questa maniera e resta stabile l'auspicio è che riusciamo a instubarlo domani mattina. Procediamo con cautela perché la situazione complessiva di politrauma rende l'attenzione all'evoluzione anche del risveglio più attenta e accorta» - aggiunge Giovanni La Valle - «In questo momento ci preoccupano di più le eventuali complicanze non legate al sistema neurologico che abbiamo verificato che è integro, ma quelle che potrebbero sorgere dal politrauma appunto. Non dimentichiamo che due giorni fa è stato operato per stabilizzare le fratture e che in questo momento lo stiamo tenendo sedato e stabilizzato dal punto di vista emodinamico».


Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Maggio 2021, 20:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA