Charlotte Angie, la pornostar uccisa e fatta a pezzi dal bancario food blogger: «Un gioco erotico finito male»

Delitto dell'attrice hard: "Colpita a martellate, smembrata e messa in freezer"

Video

Le amiche di Carol, prima di scoprire che era un macellaio, lo chiamano “il fotografo”. Ricordano che è stato lui a scattare le foto che hanno trasformato Carol in Charlotte Angie, star del porno. È il suo vicino di casa, dividono il ballatoio nella cascina ristrutturata a Rescaldina, hinterland di Milan. Si chiama Davide Fontana, dipendente di banca a Milano, food blogger per passione. Sul sito di cucina che gestisce si descrive così: «Ariete atipico, calmo e razionale ma testardo e determinato a raggiungere gli obiettivi». Ha confessato. Ha ucciso Carol Maltesi, ex commessa rimasta senza lavoro per la pandemia e con una rapida ascesa nel mondo del porno on line.

Charlotte Angie, la pornostar fatta a pezzi. Antonio Del Greco: «Una brutalità così l’ho vista soltanto nel caso del Canaro»

LA CONFESSIONE. Nella notte tra martedì e ieri Davide Fontana è entrato nella caserma dei carabinieri di Brescia come persona informata dei fatti. Tre ore dopo era in stato di arresto. I reati contestati dalla procura di Brescia: omicidio volontario aggravato, distruzione e occultamento di cadavere. Racconta di un gioco erotico finito male e di averla colpita, «con un martello». «Poi non ho più capito nulla». Questo succedeva lo scorso gennaio. Fontana però è lucido: compra un congelatore, lo installa a casa della vittima, seziona il cadavere in 15 parti, lo congela. E tiene il cellulare di Carol: se qualcuno la cerca, su Whatsapp risponde lui. La madre, che è malata e vive a Varese. L’ex compagno, con cui vive il figlio avuto da Carol sei anni fa. Una collega di lavoro, l’attrice porno Sabrina Ice: «Solo qualche giorno fa ho parlato con Davide, mi ha raccontato che lei era andata via, forse a Padova». A tutti quelli che all’improvviso l’hanno vista scomparire dal mondo del porno e che le scrivevano, rispondeva lui: «Tutto bene, mi sto ritirando dal settore».

LA VITTIMA. Quanti sogni aveva Carol, con i suoi 26 anni. Originaria di Varese, metà olandese e metà italiana, a 20 era già mamma, e con quel bambino sognava di trasferirsi ad Amsterdam. E intanto lavorava, ci teneva all’indipendenza economica. Commessa a Milano, a Malpensa e poi a Rescaldina, disoccupata a causa lockdown, si era lanciata sul sito Onlyfans: le foto gliele aveva fatte il vicino, Davide. Erano amici, anche intimi: lui aveva le chiavi di casa sua. Charlotte Angie ha cominciato ad avere successo, serate, fan. Postava anche video in cui parlava della violenza sulle donne.

I SACCHI NERI. Sabato 19 marzo il bancario decide di disfarsi dei resti. Sale con l’auto di lei in Valcamonica - «un posto che frequentavo da bambino», in località Borno lancia i sacchi nella scarpata. Da uno spunta una mano con smalto glitterato rosa sulle unghie. Un agricoltore lo apre. Ora quei resti - grazie ai suoi tatuaggi riconosciuti da un fan - hanno un nome. E uno anche il macellaio.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Marzo 2022, 10:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA