Junior Cally a Sanremo, Salvini: «Donne stuprate e usate come oggetti? Lo fai a casa tua». E con Buffagni è polemica social

Junior Cally a Sanremo, Salvini: «Donne stuprate e usate come oggetti? Lo fai a casa tua». E con Buffagni è polemica social

Botta e risposta al veleno tra Matteo Salvini e Stefano Buffagni, viceministro M5S allo Sviluppo Economico: quest’ultimo ha commentato un tweet di ieri del leader della Lega in cui si parlava delle donne, e in cui lo stesso Salvini si è lasciato andare in effetti ad un piccolo lapsus.

Leggi anche > Michelle Hunziker critica 'Amadeus perché maschilista'. Ma arriva la frecciatina di Selvaggia Lucarelli

«Col nostro governo abbiamo approvato la lecce #codicerosso - scriveva Salvini - La donna che denuncia deve essere convocata entro tre giorni dal magistrato». «A proposito - il tweet successivo - mi vergogno di quel cantante che paragona donne come troie, violentate, sequestrate, stuprate e usate come oggetti. Lo fai a casa tua, non in diretta sulla Rai e a nome della musica italiana».

Il riferimento era a Junior Cally, la cui canzone che parteciperà al Festival di Sanremo ha creato polemica, con il presidente Rai Foa che ne ha chiesto addirittura l’esclusione. Scrivendo «lo fai a casa tua» però, Salvini si  è attirato le critiche e gli sfottò di decine di utenti. Tra cui lo stesso Buffagni: «Quindi insultare, sequestrare, violentare, stuprare, usare le donne come oggetti, per te va bene ma basta farlo con discrezione dentro casa? Vergogna, le donne vanno rispettate e amate sempre!».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Gennaio 2020, 14:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA