Vaccino, 300 operatori sanitari e medici fanno ricorso al Tar contro l'obbligo

Vaccino, 300 operatori sanitari e medici fanno ricorso al Tar contro l'obbligo: «Battaglia democratica»

Vaccini e ricorsi: 300 operatori sanitari e medici di Brescia, Cremona, Bergamo e Mantova hanno presentato ricorso al Tar di Brescia chiedendo l'annullamento dell'obbligo vaccinale. Lo anticipa Il giornale di Brescia. L'udienza è prevista il 14 luglio. «Non è una battaglia no vax, ma una battaglia democratica. Qui si obbliga una persona a correre un rischio altrimenti gli viene impedito di svolgere la professione» spiega l'avvocato Daniele Granara che ha presentato il ricorso contro AST Bergamo, ATS Brescia, ATS Val Padana e ATS Montagna.

No vax in Alto Adige, sospesi i primi 115 sanitari: concluso iter di verifiche dell'azienda sanitaria

L'Italia - si legge nelle 52 pagine di ricorso - è l'unico Paese dell'Unione Europea a prevedere l'obbligatorietà per determinate categorie di soggetti della vaccinazione per la prevenzione della Sars-CoV-2». Il ricorso è stato depositato lo scorso 22 giugno.


Ultimo aggiornamento: Domenica 4 Luglio 2021, 10:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA