Omicron, il Gimbe: casi scesi del 25%, ma aumentano i morti: 1000 negli ultimi 7 giorni

Infezioni in calo in tutte le regioni

Gimbe: diminuiscono i casi positivi ma aumentano i decessi: 1000 negli ultimi 7 giorni

Continua, per la seconda settimana consecutiva, il calo di nuovi casi di Covid in Italia. Dal 20 al 26 luglio 2022, secondo il nuovo monitoraggio della Fondazione Gimbe, le infezioni sono state 473.820 rispetto alle 631.693 della settimana precedente, pari a -25%.

 

Di contro, continuano ad aumentare i decessi, che in una settimana sono stati ben 1.019 a fronte degli 823 della scorsa settimana, pari al +23,8%. In tutte le Regioni si registra una diminuzione percentuale dei nuovi casi (dal -11% della Calabria al -31% della Campania) ma in 16 Province si registrano ancora oltre 1.000 casi per 100.000 abitanti.

Covid, danni a olfatto e gusto per 27 milioni di persone. «Molti non recuperano a pieno i due sensi»

OMS - Nel mondo, dal 18 al 24 luglio 2022, sono stati segnalati 6,6 milioni di nuovi casi di Covid-19, un numero simile a quello della settimana precedente. Come simile è stato il numero di nuovi decessi settimanali, oltre 12.600 decessi. È quanto riporta l'ultimo aggiornamento dell'Organizzazione mondiale della Sanità, che conferma la variante Omicron nel 90% dei campioni sequenziati e, tra questi, la sottovariante Omicron BA.5 rappresenta oltre il 52%. Da inizio pandemia al 24 luglio, sono stati confermati oltre 567 milioni di casi e oltre 6,3 milioni di decessi a livello globale. Il numero di nuovi casi settimanali è aumentato nella regione del Pacifico Occidentale (+52%), del Mediterraneo Orientale (+45%) e del Sud-Est Asiatico (+13%), mentre è diminuita in Africa (-44%), Europea (-24%) e Americhe (-12%). Il numero di decessi settimanali sono aumentati soprattutto nel Mediterraneo orientale (+88%), mentre sono calati in Europa (-6%). A livello nazionale, il numero più alto di nuovi casi settimanali è stato in Giappone (969.068; +73%), Usa (860.097; -3%), Germania (565.518; -16%) e Italia (531.327i; -26%). Il numero più alto di nuovi decessi settimanali sono stati segnalati dagli Usa (2.637; +3%), Brasile (1.396; -20%) e Italia (952; +21%) e Spagna (810; +33%). Tuttavia, tali tendenze, precisa l'Oms, «dovrebbero essere interpretate con cautela», poiché «diversi paesi hanno modificato le strategie di testing, con conseguente riduzione del numero di test e casi rilevati». Dal 21 giugno al 21 luglio 2022 sono state raccolte 193.561 sequenze di Sars-Cov-2. Tra queste, il 90% erano rappresentate da Omicron. Dal 10 al 16 luglio, rispetto alla settimana precedente, le sottovarianti BA.4 e BA.5 Omicron hanno continuato a essere dominanti, rispettivamente con il 11% e il 52%.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Luglio 2022, 12:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA