Frane, Roma tra le città più a rischio in Italia: «300mila abitanti in pericolo, ecco perché»

L'Italia è il paese europeo dove si verifica il maggior numero di eventi franosi. Servono migliaia di interventi per la messa in sicurezza

Video

di Redazione web

Roma è una delle città a maggior rischio frane d'Italia. Lo sostiene Erasmo D'Angelis, segretario generale dell'Autorità di Bacino distrettuale dell'Italia centrale e già capo della Struttura di missione contro il dissesto idrogeologico a Palazzo Chigi, che in un'intervista a Il Messaggero, rivela le criticità del nostro paese, esposto al fenomeno crescente dei cambiamenti climatici.

Frane e alluvioni in Italia, ecco le zone a maggior rischio: non c'è solo la Campania

Capitale a rischio

D'Angelis in merito agli 11 miliardi di euro messi sul piatto per affrontare di petto la situazione sempre più urgente, sostiene che ci sia la necessità di «11mila opere da realizzare per contenere alluvioni, frane, erosione costiera, allargare i tunnel... Abbiamo piogge tropicalizzate, cicloni, tempeste di vento prima sconosciute. La bomba d'acqua ad Ischia è un esempio», sostiene D'Angelis, che vede la capitale esposta ad una crescente criticità. «Roma è la città più in pericolo. Oltre 300mila abitanti vivono sotto il rischio di 538 frane. Senza parlare delle alluvioni. Un conto che l'abusivismo dilagante rende particolarmente salato».

Quali sono i pericoli


Il Paglia, secondo D'Angelis è «il più pericoloso degli affluenti del Tevere. Quando è in piena può allagare la piana d'Orvieto e far straripare il Tevere» che si aggiunge al problema cronico dei tombini, che a Roma coprono 700 chilometri di reticolo idraulico ed il 10% di questi, circa 70 chilometri, sono a rischio otturamento in particolare tra «Tiburtina, il Flaminio e l'Eur». E la manutenzione continua ad essere scarsa.

Italia messa male

Rispetto al resto d'Europa, «in Italia ci sono 628mila frane, di cui 2400 ad alto rischio. Tutto il continente europeo ne ha censite 750mila».


Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Novembre 2022, 14:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA