Ancora cinghiali a Roma: l'ultimo avvistamento a Villa Mazzanti. Ecoitaliasolidale: «Come si risolve il problema?»

Ancora cinghiali a Roma: l'ultimo avvistamento a Villa Mazzanti. Ecoitaliasolidale: «Come si risolve il problema?»

Scelta la soluzione di facilitare l’uscita dei cinghiali verso i sentieri naturali della Riserva di Monte Mario

Nuovo avvistamento di cinghiali per le strade di Roma. Dopo il gruppo di ungulati a passeggio davanti alla cittadella giudiziaria e un altro vicino all'ospedale Gemelli, oggi cinque cinghiali sono stati visti in un'area verde a Prati. «Ancora cinghiali a spasso per le vie della Capitale, quest’oggi cinque esemplari sono stati avvistati a Villa Mazzanti, area verde in via Gomenizza. Fortunatamente in questa occasione si è evitata una “condanna a morte sommaria”, come quella avvenuta in zona Aurelia il 16 ottobre dello scorso anno, quando la polizia provinciale eliminò una mamma di cinghiale con i suoi cuccioli, dopo essere stati rinchiusi nel giardino Mario Moderni». E’ quanto dichiarano in una nota Piergiorgio Benvenuti, Presidente del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale e Cinzia Caruso, Responsabile Nazionale Difesa e benessere degli animali di Ecoitaliasolidale.

 

Leggi anche > Roma, venti cinghiali assediano l'uscita del Gemelli: «Rovistavano tra i rifiuti». Passanti sconvolti LA FOTO



«In questa occasione si è evitata la sommaria soppressione, la traumatica cattura con le gabbie e probabilmente si è scelta la soluzione di facilitare l’uscita dei cinghiali verso i sentieri naturali della Riserva di Monte Mario. Certamente - proseguono gli esponenti di Ecoitaliasolidale - si è evitato la crudeltà della soppressione, ma in questo modo si sarebbe scelto di non decidere. Infatti gli stessi cinghiali potrebbero ben presto ritornare nel centro abitato, mettendo in pericolo i cittadini e loro stessi. Comunque è necessario conoscere, con la massima trasparenza e nei dettagli, quale soluzione è stata adottata».



«La città di Roma sempre più sporca, la raccolta dei rifiuti in costante emergenza, i cassonetti non più adeguatamente puliti e sanificati come in passato, hanno in questi anni trasformato la Capitale in una zona particolarmente attrattiva per numerose specie di animali che dovrebbero vivere in ben altro habitat. Chiediamo alla neo Amministrzione di Roma Capitale - concludono Benvenuti e Caruso - di invertire la tendenza rispetto al fallimentare tema dei rifiuti e della pulizia della città, procedere con programmi di adeguata manutenzione del verde e dei parchi cittadini. Altrimenti il problema dei cinghiali liberi nella città risulta solamente rimandato».


Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Ottobre 2021, 20:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA