Porto Cesareo, violenta tromba d'aria: danni al porto, crolla un pontile. Il sindaco: «Città in ginocchio»

video
Una violenta tromba d'aria si è abbattuta su Porto Cesareo, in Salento, provocando danni gravi al porto turistico di Ponente e crolli della parte alta di un pontile in muratura e di muretti di recinzione. Un pontile della darsena, lungo 60 metri, è stato sollevato e trascinato via dal vento e dal mare in burrasca e ha portato con sé tutte le barche ormeggiate. Attualmente vi sono centinaia di barche ammassate: alcune sul molo, altre sono finite nell'area giochi a circa 300 metri di distanza. 

Leggi anche > Venezia, notte con l'acqua alla gola. Peggio del previsto: marea già a 187 cm. Due morti a Pellestrina
 

I danni più gravi li hanno subiti le barche dei pescatori, molte delle quali erano ormeggiate al pontile sradicato dalla forza del mare e del vento. La frazione di Torre Lapillo è isolata perché allagata. Qui vi sono stati numerosi cedimenti di strutture murarie ed è crollata la parte alta del pontile in muratura che collega Porto Cesareo all'hotel Lo Scoglio che si trova su un isolotto collegato da un pontile alla terraferma.
 


IL SINDACO: «LA CITTÀ È IN GINOCCHIO»
Per il sindaco di Porto Cesareo, Salvatore Albano, la violenta tromba d'aria che ha colpito nelle ultime ore la città salentina provocando gravi danni al porto, a centinaia di imbarcazioni e a diverse strutture murarie, ha messo la città «in ginocchio». La frazione di «Torre Lapillo - spiega - è sommersa dal mare, le strade sono coperte da spazzatura e detriti, la situazione è tragica. Eravamo in allerta, ma non ci aspettavamo una situazione del genere. Chiederemo lo stato di calamità naturale, i danni ammontano a centinaia di migliaia di euro». 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Novembre 2019, 13:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA