Covid Italia, bollettino oggi 22 agosto: 1.071 contagi in 24 ore e 3 morti, più tamponi. È il dato più alto dal 12 maggio

video

I contagi di Coronavirus continuano a salire: in base al bollettino del 22 agosto 2020 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore sono 1.071. Ieri erano stati 947. Era dal 12 maggio che non si superava quota mille.  I morti sono 3, portando il totale delle vittime a 35.430 da inizio emergenza. Il numero di tamponi effettuati oggi è 77.674. Valle d'Aosta unica regione italiana a zero contagi odierni. Salgono a 17503 gli attualmente positivi al coronavirus in Italia. Rispetto a ieri sono 825 in più. Sono attualmente 64 le persone ricoverate in terapia intensiva con coronavirus. Rispetto a ieri si registrano 5 casi in meno. I dati sono stati diffusi dal Ministero della Salute e sono consultabili sul sito della Protezione Civile.

Covid, un paese con boom di contagi e a rischio zona rossa: ecco dove

A preoccupare sono soprattutto i casi di rientro dalle vacanze, in particolare dalla Sardegna. 
Il Lazio oggi è la regione che regista il maggior numero di contagiati (215 i casi rilevati nel Lazio, anche se non tutti residenti) e di ricoverati con sintomi (265), superando la Lombardia (rispettivamente 185 casi e 148 malati) che ha però il maggior numero di terapie intensive (14) ma non registra alcun decesso. Secondo i dati del ministero della Salute, il Veneto con 160 nuovi casi è al terzo posto seguito a distanza dall'Emilia Romagna con 80 nuovi contagi. Soltanto la Valle d'Aosta oggi registra zero nuovi casi, mentre il Molise ne registra uno e tre la Basilicata. 

I DATI DELLE REGIONI
Lazio, record storico di contagi in un giorno

Nel Lazio nelle ultime 24 ore si sono registrati 215 nuovi casi. Un dato giornaliero mai toccato in precedenza. Quasi la metà dei nuovi positivi (il 45%) rientravano dalle vacanze in Sardegna. Il precedente picco giornaliero era stato raggiunto il 30 marzo quando i casi erano stati 208. Zero i decessi. Dei nuovi casi, come informa la Regione Lazio, il 61% sono link di rientro. Il record di positivi è legato prevalentemente ai casi con link dalla Sardegna 45% (97 casi). Sono in prevalenza giovani e asintomatici. «In questa fase il tema non sono né le ospedalizzazioni, né le terapie intensive che sono assolutamente sotto controllo e non danno alcuna preoccupazione, ma bloccare tempestivamente le catene di trasmissione rintracciando gli asintomatici ed evitare che venga diffuso il virus in ambito familiare. Rivolgo un appello ai giovani fate attenzione soprattutto ai vostri familiari e alle persone più care e se siete in attesa dell’esito del referto è opportuno rimanere isolati e non avere frequentazioni. Non sentitevi invincibili perché il virus è subdolo e può creare seri problemi a voi e i vostri cari», dice l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato
 
 

Sono in prevalenza giovani e asintomatici. «In questa fase il tema non sono né le ospedalizzazioni, né le terapie intensive che sono assolutamente sotto controllo e non danno alcuna preoccupazione, ma bloccare tempestivamente le catene di trasmissione rintracciando gli asintomatici ed evitare che venga diffuso il virus in ambito familiare. Rivolgo un appello ai giovani fate attenzione soprattutto ai vostri familiari e alle persone più care e se siete in attesa dell’esito del referto è opportuno rimanere isolati e non avere frequentazioni. Non sentitevi invincibili perché il virus è subdolo e può creare seri problemi a voi e i vostri cari», dice l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato.
 
 LOMBARDIA
Sono 185 i nuovi contagiati in Lombardia, in aumento rispetto a ieri quando erano stati 174, ma con oltre duemila tamponi effettuati in più (12.957 contro 10.703). Non si registrano decessi e il totale dei morti in regione resta quindi fermo a 16.852. Calano i ricoverati sia in terapia intensiva (14, -3) che negli altri reparti (148, -1). Aumentano i casi soprattutto a Milano, visto che sono 71 (ieri 54), di cui 48 a Milano città, e a Pavia (38 contro i 4 di ieri). Nessun caso a Bergamo, 23 nuovi contagiati a Brescia.

Campania

Sessanta persone (delle quali 4 provenienti da estero o contatti di precedenti casi di rientro) su 4.269 tamponi sono risultate positive in Campania nelle ultime 24 ore. Questi i dati del bollettino di oggi dell'Unità di crisi della Regione Campania per la realizzazione di misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologia da Covid-19. Il totale dei positivi è di 5.584 unità mentre qiello dei tamponi è di 379.352; non si registrano decessi mentre i guariti del giorno 4.

EMILIA ROMAGNA

 Dall'inizio dell'epidemia da coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 30.788 casi di positività, 80 in più rispetto a ieri, di cui 46 asintomatici individuati nell'ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Degli 80 nuovi casi, più della metà (42) erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone e 35 sono stati individuati nell'ambito di focolai già noti. Oltre un terzo dei nuovi contagi (29) sono collegati a vacanze o rientri dall'estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso faringei durante l'isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia e Malta. Su 46 nuovi asintomatici, 19 sono stati individuati attraverso gli screening regionali su particolari categorie di interesse, 25 grazie all'attività di contact tracing mentre 2 casi sono emersi dai test pre-ricovero.
Per quanto riguarda la situazione sul territorio, le province che presentano il maggior numero di casi sono Bologna (12 nuovi positivi), Ferrara (11) e Reggio Emilia (10). A Bologna su 12 casi, più della metà (7) sono riconducibili a focolai già noti. Tra i nuovi positivi, cinque sono legati a vacanze in Sardegna e due sono contatti di un positivo di rientro da una vacanza in Croazia.

Veneto

Sono 160 in più i casi di tampone positivo rilevati in Veneto nelle ultime 24 ore. Sono passati da 21.650 a 21.810. I casi attualmente positivi sono passati da 1.865 a 1.992. Vi sono due nuovi decessi: si è passati da 2.102 a 2.104 morti complessivi.
 

TOSCANA
In Toscana sono 11.116 i casi di positività al Coronavirus, 53 in più rispetto a ieri (19 identificati in corso di tracciamento e 34 da attività di screening). I nuovi casi sono lo 0,5% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 53 casi odierni è di 32 anni circa, il 42% è asintomatico. Delle 53 positività odierne, 6 casi sono ricollegabili a rientri dall'estero, di cui 2 per motivi di vacanza (1 Spagna, 1 Belgio) più 2 contatti di rientri dei giorni scorsi dalla Croazia. 5 casi sono ricollegabili a rientri dalla Sardegna. 4 casi sono riferibili a cittadini residenti fuori regione la cui positività è stata notificata in Toscana. Il 68% della casistica è un contatto collegato a un precedente caso». Lo comunica la Regione Toscana. «I guariti crescono dello 0,03% e raggiungono quota 9.049 (81,4% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 492.579, 4.699 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 928, +5,7% rispetto a ieri. Oggi non si registrano nuovi decessi.

Sicilia
Sono 48 i nuovi casi di Covid registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, 16 dei quali sono migranti. Casi che portano a 876 gli attuali positivi nell'isola. Sono stati eseguiti 2.220 nuovi tamponi. Resta fermo a 286 il totale delle vittime dell'epidemia nell'isola. Sono 2 i pazienti guariti. La divisione fra le province mostra 3 casi a Catania, 24 a Ragusa dove si registrano tutti i 16 migranti positivi. Ci sono 11 casi a Messina, 4 a Caltanissetta, 4 ad Agrigento, 1 a Siracusa e 1 a Trapani.

Piemonte
Sono 41, di cui 28 asintomatici e 23 «importati», i nuovi casi di positività al coronavirus registrati in Piemonte. Il totale dall'inizio dell'epidemia sale a quota 32. 301. L'Unità di crisi ha comunicato un decesso avvenuto nei giorni scorsi e in seguito collegato al Covid-19. Per oggi non ci sono state segnalazioni. I casi di morte complessivi sono 4.143. Il numero dei ricoverati in terapia intensiva (quattro) è invariato rispetto a ieri; i ricoveri in terapia non intensiva scendono invece di quattro unità (e sono dunque ottanta). Le persone in isolamento domiciliare sono 947. I tamponi diagnostici finora processati sono 555.594.

Liguria
Sono 34 i nuovi positivi al coronavirus emersi  in Liguria nelle ultime ore: questo i dati trasmessi da Alisa, l'azienda sanitaria regionale, al ministero. Nel dettaglio 11 di questi sono stati rilevati nel territorio di Asl 2 di Savona e tra loro 9 riguardano una struttura sociosanitaria (contatto di caso confermato collegato al cluster della grigliata di Quiliano), 1 emerso da attività di screening e 1 da segnalazione del dipartimento di prevenzione.Sono 16 invece i cari emersi nel territorio di Asl 3 e nell'area metropolitana di Genova, di cui 5 contatti di caso confermato e 11 derivanti da segnalazione del dipartimento di prevenzione. Sono 7 i casi emersi invece in Asl 5 alla Spezia di cui 1 contatto di caso confermato e 6 segnalazioni del dipartimento di prevenzione.


Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Agosto 2020, 17:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA