Il Covid corre: in sette giorni contagi +37,7%. E i ricoveri volano a +14,8%
di Greta Posca

Il Covid corre: in sette giorni contagi +37,7%. E i ricoveri volano a +14,8%

La Germania vola nel baratro di 50mila casi al giorno. L'Italia, in proporzione, tiene, e all'estero ci guardano come modello da seguire: nelle ultime 24 ore i nuovi casi sono 8569, le vittime 67, il tasso di positività a 1,4%. Ma ampliando lo sguardo all'ultima settimana, la situazione è in netto peggioramento.

 

Leggi anche > «Più anticorpi con il vaccino che con la guarigione»

 

Il virus continua a correre, e lo fa in tutte le regioni, da nord a sud: tra il 3 e il 9 novembre, rispetto ai sette giorni precedenti, i nuovi casi sono cresciuti del 37,7%, i ricoveri in ospedale del 14,8&, le terapie intensive del 9,4%. Lo dicono i dati elaborati dalla Fondazione Gimbe. «Per la terza settimana consecutiva - spiega il presidente Nino Cartabellotta - si conferma un incremento dei nuovi casi settimanali e una media giornaliera più che raddoppiata in meno di un mese, da 2456 il 15 ottobre a 5870 il 9 novembre». E il monitoraggio rivela altre criticità: si stanno riducendo le scorte di vaccini a mRna messaggero, e la prima dose rallenta.


CONTAGI. I nuovi casi sono passati da 29.841 a 41.091 (+37,7%), i decessi da 257 a 330. Per 66 Province c'è un'incidenza pari o superiore a 50 casi per centomila abitanti: in Friuli-Venezia Giulia, Lazio e Veneto tutte le province superano tale soglia. Tre province superano i 150 casi per centomila abitanti: Trieste (479), Bolzano (260) e Gorizia (221). Tra le Regioni dove crescono maggiormente i contagi ci sono la Sardegna (+68% in una settimana), e la Sicilia (+36,4%). Situazione in rapidi peggioramento anche in Toscana: 180 i positivi ogni centomila abitanti (+12,7%).


RICOVERI. Sul fronte ospedaliero si registra un ulteriore incremento dei posti letto occupati da pazienti Covid: rispetto alla settimana precedente +14,8% in area medica e +9,4% in terapia intensiva. Ma ci sono notevoli differenze tra le regioni. Nessuna Regione supera la soglia del 15% per l'area medica, mentre Friuli-Venezia Giulia (11%) e Marche (11%) superano quella del 10% per l'area critica. Per ora dunque, nessuna regione è a rischio di finire in zona gialla.


VACCINI. Nelle ultime tre settimane le prime dosi di vaccino anti Covid sono crollate del 75%: da 440 mila nella settimana 11-17 ottobre a 108.497 nella settimana 1-7 novembre. E sono 2,7 milioni gli over 50 ancora da vaccinare. Le terze dosi ancora non decollano. E rallentano anche le forniture di vaccini a mRna. Le scorte si attestano a quota 8,8 milioni di dosi.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 12 Novembre 2021, 10:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA