Coronavirus, undici morti e 325 contagiati. Mosca sconsiglia i viaggi in Italia.Tasse sospese nella zona rossa

Continua l'emergenza in Italia legata al coronavirus: i morti attualmente sono undici. Con la donna di 76 anni morta all'ospedale di Treviso salgono ad undici le vittime italiane del coronavirus: 9 in Lombardia e 2 in Veneto. Le vittime lombarde di oggi sono due uomini e una donna: un 84enne di Nembro, in provincia di Bergamo, un uomo di 91 anni di San Fiorano e una donna di 83 anni di Codogno, entrambi in provincia di Lodi. Tutte le vittime sono persone anziane o con altre malattie pregresse: nove delle dieci vittime sono decedute in Lombardia. I contagiati sono 325. Lo ha detto il commissario straordinario della Protezione Civile Angelo Borrelli fornendo il bollettino aggiornato con i numeri relativi ai positivi nel nostro paese. 

Leggi anche > Primo contagiato al Sud è una turista bergamasca: «Quarantena per 29 persone»

Per quel che riguarda la diffusione geografica «in Lombardia i casi sono 240; in Veneto 45 casi con un incremento di 5; in Emilia 26 casi con un incremento di 3; in Piemonte 3; nel Lazio 3 positivi; in Sicilia 2; in Toscana 2 casi; e in Trentino e in Liguria 2», ha affermato il capo del dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli, nel corso del bollettino delle 18 sull'emergenza coronavirus. 

Leggi anche > Coronavirus, sui social la rivincita del Sud: «Non si affitta ai settentrionali»
 
 

I due casi sospetti di coronavirus in Toscana sono stati confermati da Borrelli, che ha anche confermato il caso in Sicilia sottolineando però «che sono in corso le ultime verifiche da parte dell'Istituto di Sanità». Nei 322 contagiati sono comprese anche le dieci vittime accertate e il ricercatore guarito e dimesso dallo Spallanzani nei giorni scorsi.

LA DIRETTA

22.27 «Stiamo predisponendo le misure necessarie per affrontare al meglio le molteplici implicazioni economiche del coronavirus. Cittadini, professionisti, imprese non vanno lasciati soli in questo momento di difficoltà ma vanno sostenuti con il massimo impegno». Lo scrive il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri su Facebook. «Per questo -prosegue- abbiamo immediatamente sospeso le tasse nei comuni della 'zona rossa' e siamo al lavoro per altri provvedimenti come la sospensione delle rate dei mutui, delle bollette, dei versamenti dei contributi previdenziali, e per misure più generali a sostegno dei settori più colpiti. Ora è il momento della responsabilità e della coesione. Nessuno - deve essere lasciato da solo».

22.23 «È stato diffuso da pochi minuti il risultato positivo di un campione analizzato nel pomeriggio di oggi, 25 febbraio». Lo fa sapere la Regione Marche. «Il campione, proveniente dalla provincia di Pesaro, sarà inviato nelle prime ore di domani mattina al Centro diagnostico di riferimento nazionale dell'Istituto superiore di sanità. Solo al seguito di questo secondo controllo si potrà effettivamente confermare il caso di Nuovo Coronavirus». Ora il «paziente è stato isolato a domicilio e in buone condizioni di salute».

22.05 Il governo ha deciso di impugnare l'ordinanza della Regione Marche che dispone la chiusura delle scuole fino al 4 marzo in conseguenza dell'emergenza Coronavirus. La decisione, a quanto si apprende, sarebbe stata assunta in Consiglio dei ministri. 

21.56 Sta sempre meglio il 17enne di Valdidentro (Sondrio), risultato positivo al Covid-19. «Anche oggi ottime notizie dall'ospedale Manzoni di Lecco - afferma l'avvocato Ezio Trabucchi, legale della famiglia del ragazzo -. Il professor Paolo Bonfanti, direttore dell'Unita di Infettologia, ha comunicato alla famiglia e al sottoscritto un bollettino medico assolutamente rassicurante. Ancora pochi giorni e il giovane ritornerà guarito in valle». Sono intanto in «quarantena fiduciaria» le 10 persone sottoposte a tampone tra domenica e lunedì perché entrate in contatto con il 17enne. Si tratta di otto compagni di scuola all'Istituto agrario di Codogno (Lodi), cuore del focolaio lombardo del Coronavirus, e dei genitori del ragazzo. Tutti sono risultati negativi, ma fino al 6 marzo, per estrema precauzione, osserveranno le misure dell'isolamento. Nel frattempo sono stati effettuati altri 115 tamponi in provincia di Sondrio e i risultati sono attesi per domani. 

21.36 Primo caso di coronavirus confermato in Germania. Lo hanno annunciato le autorità sanitarie del Baden-Württemberg. Il paziente è un uomo di 25 anni del distretto di Göppingen, «probabilmente contagiato durante un viaggio in Italia a Milano». Dopo avere avvertito sintomi influenzali al suo ritorno in Germania, il giovane ha contattato le autorità sanitarie locali. Dopo essere risultato positivo al test, il paziente verrà ora ricoverato in isolamento. 

20.53 Primo caso di nuovo coronavirus in Algeria. Lo ha annunciato il ministro della Sanità del paese africano Abderrahmane Benbouzid su EnTv, come riporta il sito Tsa-algerie. Si tratta di un cittadino italiano, secondo quanto reso noto dal ministro della Salute. L'uomo è arrivato in Algeria il 17 febbraio scorso, ed è ricoverato in isolamento all'Istituto Pasteur. «Sono state adottate tutte le misure per la presa in carico del paziente, messo in quarantena», ha precisato il ministro.

20.49 È sotto osservazione la gara del 6 Nazioni di rugby Irlanda-Italia, in programma il 7 marzo, che rischia di essere cancellata per motivi di salute pubblica. Lo riferisce l'agenzia Bloomberg citando Tony Holohan, capo del Dipartimento della Salute. Il quale raccomanda di annullare la partita a causa della «rapida evoluzione dell'epidemia» nel nord Italia e conseguente rischio di importare casi di coronavirus in Irlanda. Secondo l'agenzia il ministro della Salute, Simon Harris, ha accolto con favore la raccomandazione di annullare la partita, fatta nell'interesse della sicurezza pubblica.

20.20 Sono saliti a 45 i casi di positività al Coronavirus in Veneto: 33 a Vò, 4 all'ospedale di Mirano, 4 a Venezia e 4 tra Padova, Mestre e Treviso, dove in serata è deceduta da 76enne ricoverata in rianimazione. Lo rileva il bollettino della Regione Veneto. 

20.15 Secondo caso di contagio da coronavirus in Liguria. Lo ha comunicato la Regione spiegando che il paziente si trova alla Spezia. «Il tampone è in corso ma abbiamo la ragionevole certezza che sarà positivo. I parametri sono tali che ci sbilanciamo». Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti confermando il secondo positivo in Liguria. «È un uomo italiano di 54 anni, ricoverato alla Spezia, in buona salute ma con sintomi di influenza. È passato con la sua attività da Codogno negli ultimi dieci giorni» ha detto Toti. 

 
 


19.39  Sono di Piacenza il medico e la moglie che sono risultati positivi al Coronavirus a Tenerife. Erano alloggiati in un hotel ad Adeje, nel sud di Tenerife. Il medico ieri era andato spontaneamente in una clinica privata a Tenerife perché aveva la febbre. Dopo il primo test risultato positivo è stato trasferito all'ospedale Nuestra Se¤ora de Candelaria. Oggi è arrivata anche la positività al contagio della moglie, mentre il fratello e la cognata che erano in vacanza con loro non sarebbero stati contagiati.

19.37 Sono italiani i due primi casi di coronavirus confermati in Austria. Si tratta di una 24enne che lavora in un hotel di Innsbruck e di un ragazzo dello stessa età che era venuto a trovarla da Bergamo. L'Hotel Europa, dove la ragazza lavora alla reception, e la casa dove hanno alloggiato, sono stati isolati in modo da identificare le persone entrate in contatto con i due ammalati, scrive il quotidiano Kurier. I due hanno manifestato primi sintomi di febbre domenica e lunedì si sono rivolti ai medici. Oggi sono risultati positivi al test del coronavirus, ma nel frattempo non hanno più la febbre e mostrano pochi sintomi. Rimarranno fino alla fine della settimana nell'ospedale universitario di Innsbruck dove sono ricoverati in isolamento, ha detto Guenter Weiss, l'infettivologo che li sta curando. I due pazienti, ha aggiunto, sono «molto collaborativi e in buone condizioni generali». 

19.24 Due nuovi casi positivi al Coronavirus sono stati segnalati oggi in Francia. Lo ha detto il direttore generale dell'Istituto di Sanità. Si tratta di un francese rientrato dalla Lombardia - e ricoverato nel centro della Francia - e di una donna cinese che però sarebbe già guarita.

19.11 Sono due italiani provenienti da Bergamo i contagiati registrati in Tirolo. Lo si apprende da fonti informate. Secondo diversi media, l'albergo di Innsbruck, dove lavora la donna, è stato messo in isolamento. La coppia, attualmente in quarantena in un ospedale di Innsbruck, era arrivata in Tirolo in auto la settimana scorsa.

19.00 È morta all'ospedale di Treviso la donna di 76 anni, positiva al Coronavirus, che era stata ricoverata oggi in rianimazione per complicanze respiratorie. Lo rende noto la Regione Veneto.

18.16 Il bollettino del capo della Protezione Civile AngeloBorrelli, Commissario nazionale della Protezione Civile: «Il dato è di 322 contagiati, incremento rispetto alle 12 è di 39 unità. Il totale dei deceduti è di dieci. Tre persone morte nelle ultime ore ultraottantenni in Lombardia». Le vittime sono due uomini e una donna: un 84enne di Nembro, in provincia di Bergamo, un uomo di 91 anni di San Fiorano e una donna di 83 anni di Codogno, entrambi in provincia di Lodi.

Ore 18.15 Il ministro della Salute Roberto Speranza durante il punto stampa dopo il vertice a Roma a cui hanno preso parte il commissario Ue alla Salute Stella Kyriakides, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e i ministri della Salute di Austria, Francia, Slovenia, Svizzera, Croazia e Germania: «Riunione positiva appena conclusa. I paesi che confinano con l'Italia più la Croazia e la Germania. Dichiarazione: convinto apprezzamento del lavoro del governo italiano, sostegno pieno all'Italia per la gestione dell'emergenza coronavirus. Condivisi alcuni punti che rafforzano la nostra cooperazione: il primo punto è tenere aperti i confini, chiudergli sarebbe sbagliato, impegno a condividere informazioni, impegno a regolari colloqui a livello politico e di esperti, impegno a valutare mantenimento a livello europeo. 

Ore 18.10 Un caso di positività al coronavirus si è verificato a Treviso. Lo rende noto la Regione Veneto. Si tratta di una donna di 76 anni, con importanti patologie pregresse. Oggi, in seguito a un peggioramento della sintomatologia respiratoria, l'anziana è stata sottoposta al test dai sanitari del reparto malattie infettive dell'ospedale di Treviso risultando positiva. Attualmente è ricoverata in rianimazione. 

Ore 18.05 Sono risultati i test al Cvid-19 effettuati a Malta su due italiani arrivati col volo da Bergamo di ieri pomeriggio mentre le autorità aeroportuali piazzavano i termorilevatori automatici per tutti i passeggeri in arrivo a Malta. I due, stando a quanto riferito dal Times of Malta, sentendosi febbricitanti si sono presentati ad un presidio medico e sono stati sottoposti all'analisi del tampone nasale. Oggi il ministero della salute ha comunicato la negatività dei due italiani, specificando che «non ci sono casi conosciuti di infezione da coronavirus a Malta» aggiungendo, tuttavia, l'invito ad «evitare le visite negli istituti sanitari o nei reparti di pronto soccorso» in caso di sintomi influenzali.

Ore 18.00 Le autorità catalane hanno confermato il primo caso di coronavirus a Barcellona, sottolineando che si tratta di una donna italiana di 36 anni residente in Spagna. Lo riportano i media spagnoli spiegando che la donna, appena rientrata da un viaggio in Italia tra Bergamo e Milano, ieri si era recata all'ospedale catalano con alcuni sintomi.

Ore 17.50 «Ci sono tanti decessi, alcuni sub iudice in Lombardia che attendono di essere confermati dall'Istituto superiore della Sanità». È quanto ha detto l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera.

Ore 17.40 L'assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera in conferenza stampa: «I positivi in Lombardia sono 240, 1800 tamponi compiuti. Per i decessi aspettiamo il via libera dall'Istituto Superiore di Sanità che ci confermerà se le persone siano morte per il coronavirus o meno». 

Ore 17.38 Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana in conferenza stampa: «La situazione si è stabilizzata. I provvedimenti assunti sono entrati in vigore. La popolazione sta reagendo in maniera composta e civile. Stiamo aspettando che passino quei 4-5 giorni per capire quali effetti questi provvedimenti possano dare. Siamo molto sereni e fiduciosi nell'esito positivo».

Ore 17.30 Tre tifosi del Valencia di ritorno dall'Italia dopo aver assistito alla gara tra Atalanta e Valencia a San Siro, secondo i media spagnoli, hanno contattato i servizi sanitari spagnoli affermando di ritenere di avere dei sintomi del Coronavirus. Il vicedirettore della epidemiología e vigilanza della salute della Generalitat Valenciana, Hermelinda Vanaclocha, come riporta 'Marcà ha annunciato che ci sono almeno tre fan del Valencia che erano nel nord Italia per assistere alla gara di andata dei sedicesimi di finale di Champions League contro l'Atalanta a San Siro e che hanno contattato i servizi di emergenza. «Sono ancora in fase di valutazione, non si può dire che siano casi in studio», ha detto. Il 10 marzo è in programma la gara di ritorno alla quale è prevista la trasferta di oltre tremila tifosi bergamaschi. «Quello che stiamo facendo è parlare con loro, faremo un sondaggio epidemiologico. Abbiamo diversi casi di persone in attesa di valutazione e tra loro ci sono i tifosi del Valencia che erano a Milano», ha spiegato. Il Valencia ha inviato lunedì pomeriggio attraverso i suoi social network il documento del Dipartimento della Salute per informare i tifosi che sono stati a Milano di verificare se avevano qualche tipo di sintomo respiratorio come tosse, febbre o problemi di respiro. In questi casi, si consiglia a tutti di rimanere nelle proprie case e contattare il 112 spagnolo».

Ore 16.57 Paziente zero potrebbe essere invisibile Potrebbe essere uni dei tanti casi 'invisibilì l'introvabile paziente zero che avrebbe dato inizio in Italia all'epidemia da coronavirus SarsCoV2. È proprio nel fenomeno dei casi di portatori del virus impossibili da riconoscere il perché sia praticamente impossibile rintracciare il caso che ha innescato il focolaio di Codogno, così come non è noto il legame tra i casi del Veneto e quelli della Lombardia. Se le persone portatrici del virus stanno bene «non si riesce a identificare i casi», ha rilevato il fisico esperto di sistemi complessi Alessandro Vespignani, direttore del Network Science Institute della Northeastern University di Boston. «Se in Italia non si riesce a trovare il paziente zero è perché questi potrebbe essere asintomatico, magari incontrato in un aeroporto o in una stazione», ha osservato. «Quello che l'Italia sta mettendo in campo - ha concluso - è uno sforzo aggressivo per soffocare il focolaio».

Ore 16.54 Due hotel interdetti in Liguria Sono due gli alberghi di Alassio per i quali è stata emessa un'ordinanza per disporre l'isolamento a turisti e dipendenti. Si tratta dell'hotel 'Al Marè e dell'hotel 'Bel Sit' dove è stata ospite la signora di 72 anni risultata affetta da coronavirus. Lo comunica Regione Liguria.

Ore 16.39 Prefetto Lodi: "Medici Codogno eroici" «Sono stati eroici»: il prefetto di Lodi Marcello Cardona parla così del personale medico-sanitario dell'ospedale di Codogno, al centro delle polemiche per la gestione del cosiddetto paziente 1.

Ore 16.30 Primo spagnolo contagiato a Barcellona, era stato in Italia Primo cittadino spagnolo positivo al test del coronavirus a Barcellona, in Spagna. Il Dipartimento di Salut della Generalitat ha confermato il primo caso in Catalogna. Lo scrive la Vanguardia. Si tratta del quarto caso di Covid-19 confermato in Spagna dopo i due segnalati alle Canarie e uno a Maiorca, tutti stranieri. Attivato il protocollo sanitario per l'uomo che, residente a Barcellona, aveva viaggiato negli ultimi giorni nel nord Italia. Il National Center for Microbiology eseguirà il secondo test di conferma nelle prossime ore.

Il governo spagnolo ha chiesto alla popolazione di affrontare con tranquillità la crisi del coronavirus e ha assicurato che agirà con «moderazione, proporzionalità e trasparenza» offrendo ai cittadini informazioni mediche e tecniche corrette in ogni momento. Il primo caso di coronavirus, rilevato sull'isola di La Gomera, è stato confermato il primo febbraio. Si tratta di un cittadino tedesco che era stato in contatto, in Baviera, con un collega che a sua volta era stato infettato da un dipendente che aveva contratto il virus a Wuhan. Il tedesco è stato isolato presso l'Ospedale Nuestra Se¤ora de Guadalupe di La Gomera (Canarie) mentre diverse persone sono state messe sotto osservazione, anche se non manifestavano i sintomi del virus.

A Palma di Maiorca, invece, il secondo caso è stato confermato il 10 febbraio. Si tratta di un cittadino britannico, residente a Maiorca con la sua famiglia, che è tornato il 29 gennaio da una gita sulle Alpi francesi dove probabilmente ha contratto il virus. Arrivato in Spagna è stato messo in isolamento presso l'ospedale di Son Espases. Il terzo caso è quello del medico italiano, proveniente dalla Lombardia, che è stato ricoverato presso l'ospedale universitario Nuestra Se¤ora de La Candelaria, a Santa Cruz de Tenerife, isolato dal resto dei pazienti e sotto stretto controllo sanitario. Secondo il Diario de Avisos, circa mille persone dell'albergo (l'H10 Costa Adeje Palace) dove ha soggiornato l'italiano sono stati messi in quarantena o, per meglio dire, sotto sorveglianza delle autorità.


Ore 16.22 Tre casi sospetti a Palermo Salgono a tre i casi «sospetti» di Coronavirus a Palermo. Alla turista bergamasca di 66 anni ricoverata da ieri all'ospedale Cervello e al marito, risultato negativo al primo tampone e positivo al secondo, si è aggiunto anche un terzo componente del gruppo. I tamponi sono stati inviati all'ospedale Spallanzani di Roma per la conferma definitiva. Il gruppo di amici - in 30 erano arrivati a Palermo da Bergamo venerdì scorso - si trova in isolamento all'hotel Mercure.

Ore 16.10 Primo caso in Svizzera in Ticino «In Svizzera è stato segnalato il primo caso confermato di COVID-19 ed è in Ticino». Lo scrive il sito di Rsi, la radiotelevisione svizzera precisando che «lo ha comunicato l'Ufficio federale della sanità pubblica che informerà la popolazione in una conferenza stampa alle 17».

Ore 16.05 Primi due casi in Austria Due contagiati dal coronavirus in Tirolo. Lo riferisce il governatore Gunther Platter, citato dall'agenzia austriaca Apa. Una delle due persone, scrive l'agenzia, sembra che arrivi dalla Lombardia, ma non è ancora confermato. «Non abbiamo bloccato i treni nè i confini. Avevamo avuto informazioni su due possibili casi di coronavirus a bordo di un treno, che si sono poi rivelati falsi allarmi, e tutto si è riaperto». Così il ministro della Salute austriaco Rudolf Anschober all'Adnkronos Salute poco prima di entrare al vertice con gli altri ministri europei in programma a breve a Lungotevere Ripa Roma. «L'obiettivo dell'incontro di oggi - ha aggiunto - è quello di aiutare e sostenere l'Italia perché se l'Italia ha successo in questa battaglia è un bene anche per noi, per cui dobbiamo lavorare insieme»


Ore 16.01 Bannati utenti che vendono Amuchina su Facebook «Da questo momento sono vietati tutti gli annunci relativi a: Amuchina, disinfettanti vari e mascherine». È l'avviso che campeggia sulla pagina facebook del gruppo 'compro e vendo a Milanò, che ha oltre 50mila membri. «Ban immediato e insindacabile dal gruppo per chi pubblica tali articoli! La mia pazienza ha un limite e non sopporto sciacalli o approfittatori» scrive l'amministratore della pagina, dove qualcuno aveva provato a pubblicare degli annunci di vendita di mascherine ed era già stato redarguito da altri utenti e accusato di sciacallaggio.

Ore 15.50 Toti: era in pronto soccorso senza protezione «La paziente trovata positiva al Coronavirus e attualmente in isolamento al Policlinico San Martino di Genova è entrata in contatto con il personale sanitario del pronto soccorso di Albenga senza alcuna misura di protezione». Lo ha confermato su Twitter il governatore Giovanni Toti ribadendo che il tutto il personale medicosanitario del pronto soccorso sarà sottoposto ai test come da protocollo.

Ore 15.11 Caso di Alassio viene da zona rossa La paziente contagiata in Liguria è una turista che proviene da una delle 'zone rossè. Lo ha detto il presidente della Regione Giovanni Toti riferendosi al primo caso di contagio per coronavirus in Liguria avvenuto ad Alassio.

Ore 15.08 Fip valuta stop a campionati di basket La Federazione italiana pallacanestro sta per decidere lo stop ai campionati a causa dell'emergenza coronavirus: «Aspetto di informare il Ministro Spadafora e poi lo ufficializzo», ha detto il presidente della Fip, Gianni Petrucci, arrivando al Coni a Roma per la seduta del Consiglio nazionale. «Domani parleranno tutti di me...» ha aggiunto Petrucci con un sorriso.

Ore 15.06 Primo caso in Croazia, era stato a Milano In Croazia è stato confermato il primo caso di coronavirus. Lo ha riferito il premier Andrej Plenkovic alla stampa. Il premier ha precisato che il primo contagiato da coronavirus in Croazia è un uomo giovane che ha soggiornato a Milano tra il 19 e il 21 febbraio. Il paziente, che è ricoverato in isolamento a Zagabria, presenta sintomi lievi e non viene considerato in pericolo di vita.


Ore 15.01 Accertamenti su altri tre casi a Palermo Accertamenti sono in corso su altri tre casi sospetti di influenza da coronavirus a Palermo, tra cui il marito della donna risultata positiva. Le altre due persone sono componenti della comitiva di turisti bergamaschi che erano con la coppia. Lo confermano fonti dell'assessorato regionale alla Sanità.

Ore 14.45 «Possiamo sospendere i viaggi di istruzione ma non ha ragione di esistere la sospensione delle attività scolastiche e produttive», nelle zone non direttamente interessate da un focolaio di coronavirus. Lo dice il premier Giuseppe Conte.

Ore 14.30 Conte: Italia Paese sicuro, più di altri «L'Italia è un Paese sicuro, in cui si può viaggiare e fare turismo, ci sono solo aree limitatissime con restrizioni; forse è un Paese più sicuro di tanti altri». Così il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa alla Protezione civile a Roma.

Ore 14.15 Primo caso in Liguria C'è un primo contagiato nella regione ligure. Il caso si sarebbe verificato a Alassio. «Manteniamo la calma - ha scritto il governatore ligure Toti sulla sua pagina social - siamo preparati e affronteremo tutto come sempre».
Ore 14.01 80mila contagi nel mondo L'epidemia di coronavirus ha portato i contagi in tutto il mondo oltre la soglia degli 80mila. È quanto emerge dal rilevamento in tempo reale condotto dall'università americana Johns Hopkins, secondo cui i contagi accertati finora sono quasi 80.300. Quasi 78mila solo nella Cina continentale.

Ore 13.52 Nuova ordinanza del ministero In arrivo una nuova ordinanza predisposta dal ministero della Salute, d'intesa con l'Istituto superiore di sanità per coordinare e rendere omogenei i comportamenti in tutte le aree che non hanno focolai, in modo da «fare chiarezza», viene spiegato, per le regioni 'no cluster'. Secondo quanto apprende l'ANSA l'ordinanza è stata trasmessa dal ministro per gli Affari regionali alla Conferenza delle Regioni per confrontarsi sui dettagli e potrebbe essere adottata in giornata.

Ore 13.40 Gallera: inutile fare tamponi a tutti «A oggi non ha più senso fare tamponi a tutti ma ha senso farli solo alle persone che hanno alcuni sintomi per verificare se sono legati al coronavirus». È quanto ha detto l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera nel suo intervento al Consiglio Regionale, precisando che «non c'è assenza di tamponi e mascherine». «I contatti diretti di tutti i positivi vengono messi in isolamento e monitorati, devono provare la temperatura due volte al giorno, se c'è anche solo l'insorgenza di uno stato febbrile, viene fatto il tampone in ospedale e, se è positivo, viene ricoverato».

Ore 13.26 Fontana: Ue ci discrimina Il governatore della Lombardia Attilio Fontana lancia un'accusa alla Ue: «Ci sono paesi in Europa che dovrebbero rivedere la loro appartenenza a questa Unione dopo la discriminazione nei nostri confronti». E ribadisce, citando gli esperti, che «è poco più di una normale influenza, ma si sta diffondendo molto velocemente.

Ore 12.55 Moglie paziente 1 sta bene La moglie del paziente 1, ricoverata al Sacco di Milano perché positiva al coronavirus, «sta bene, ha fatto l'ecografia e la gravidanza procede bene, la bambina sta bene e la gravidanza arriverà a termine»: lo dice all'ANSA uno dei dirigenti del gruppo podistico dove corrono la donna, ricoverata al Sacco di Milano, e il marito, ora ricoverato a Pavia. La moglie del paziente 1 «sta bene, è sempre stata bene, è positiva al coronavirus ma asintomatica» dice il dirigente, che l'ha sentita telefonicamente ieri.

Ore 12.35 Casi in 20 province Sono 20 le province che registrano casi di coronavirus, secondo i dati della Protezione civile. In dettaglio, in Lombardia, Lodi (101 casi), Cremona (39), Pavia (17), Bergamo (14), Milano (3), Monza Brianza (2), Sondrio (1); in Veneto, Padova (30), Venezia (7), Treviso (1); in Emilia Romagna, Piacenza (17), Parma (4), Modena (1), Rimini (1); in Piemonte, Torino (3); in Toscana, Firenze (1), Pistoia (1); in Trentino Alto Adige, Bolzano (1); in Sicilia, Palermo (1); nel Lazio, Roma (3). In Lombardia ci sono 35 casi positivi in fase di ospedalizzazione o isolamento.

Ore 12.26 Positivi due specializzandi a Milano Sono risultati positivi al coronavirus due dei quattro specializzandi del dermatologo che lavora al Policlinico di Milano, risultato positivo al coronavirus nei giorni scorsi. Dei quattro, solo uno - che però è risultato negativo - avrebbe effettuato visite nei 10 giorni scorsi. I due medici risultati negativi sono liberi, mentre gli altri due positivi sono in isolamento volontario: presentano sintomi lievi, già in via di risoluzione. È quanto si apprende da fonti qualificate.

Ore 12.11 23 casi in Emilia Alcuni nuovi casi di Coronavirus in Emilia-Romagna, che portano a quota 23 il numero dei contagiati sul territorio regionale. Tra questi c'è una persona di Rimini, ricoverata in ospedale, di ritorno da un viaggio all'estero. «Su quest'ultimo caso sono in corso approfondimenti sul piano epidemiologico», spiega la Regione. Altri due nuovi casi, entrambi riconducibili al focolaio lombardo, riguardano cittadini di Parma. Un terzo, un'operatrice sanitaria dell'ospedale di Piacenza.

Ore 12.05 Sei contagiati tra i compagni del 'paziente 1' «Attualmente i ragazzi del Picchio Calcio sono stati sottoposti chi in ospedale chi direttamente a casa a tampone. Ad ora risultano 6 persone contagiate dal Virus». Lo comunica il Picchio Calcio, la squadra dilettanti dove gioca il paziente 1, il 38enne che si era recato al pronto soccorso di Codogno e poi risultato positivo al Coronavirus. Le persone che sono state a contatto con il paziente 1, che sabato 15 febbraio era sceso in campo con la sua squadra, e che hanno contratto il virus «non hanno sintomi e - rende noto la società - verranno curate da casa».

Ore 12.02 I due casi sospetti di coronavirus in Toscana sono stati confermati dal Commissario Angelo Borrelli. Il capo della Protezione Civile ha anche confermato il caso in Sicilia sottolineando però «che sono in corso le ultime verifiche da parte dell'Istituto di Sanità».

Ore 11.58 Salvini: anno scolastico prolungato «Se il protrarsi della chiusura delle scuole sarà di oltre 1 settimana bisognerà pensare di prolungare l'anno scolastico oltre la data di chiusura preventivata». Così Matteo Salvini presentando il piano della Lega per affrontare l'emergenza coronavirus.

Ore 11.55 Uno dei toscani tornato da Codogno Uno dei due casi toscani, sospetti positivi che devono essere validati dall'Iss, è un informatico di 49 anni rientrato giovedì sera da Codogno (Lombardia) dove ha soggiornato tre giorni per lavoro. Lo rende noto la Regione Toscana spiegando che «fin da venerdì si è messo in autoisolamento volontario su indicazione del medico di famiglia e sotto sorveglianza della Asl». Ieri mattina ha avuto la febbre alta e un'ambulanza lo ha portato all'ospedale di Pistoia dove si trova in isolamento.

Ore 11. 58 Si fa più vicina la possibilità di avere un vaccino contro il Covid19. L'azienda biotech americana Moderna ha infatti annunciato di aver spedito il primo lotto del vaccino sperimentale mRna-1273 all'Istituto Nazionale delle Allergie e Malattie Infettive (Niaid), per avviare la fase 1 della sperimentazione clinica su un piccolo numero di persone. Lo comunica la stessa azienda sul suo sito.

Ore 11.49 Due casi sospetti in Toscana In Toscana sono due i casi sospetti positivi che devono essere validati dall'Istituto superiore di sanità. Lo comunica la Regione. I casi sono quelli di un imprenditore italiano ricoverato in isolamento a Firenze e di un altro italiano, di Pescia (Pistoia), ricoverato a Pistoia sempre in isolamento. In via preventiva, spiega la Regione, «sono in corso indagini epidemiologiche relative ai contatti. Questi ultimi sono stati sottoposti a isolamento domiciliare con sorveglianza attiva». Negativo invece il caso della donna soccorsa alla stazione centrale di Firenze ieri sera.

Ore 11.24 I numeri in Gran Bretagna Sono 6.536 i test condotti fino a ieri nel Regno Unito, su altrettante persone, per potenziali casi di contagio da coronavirus. Lo confermano il ministero della Salute britannico e l'Nhs, il sistema sanitario nazionale, precisando che 6.527 sono risultati negativi e solo 9 positivi. A questa cifra vanno aggiunti i 4 pazienti britannici contagiati sulla nave da crociera Diamond Princess, in Giappone, risultati positivi al momento del rimpatrio. Sulla base di tali dati, il governo britannico continua a considerare al momento basso il rischio coronavirus per la generalità del pubblico britannico, pur avendo incrementato le misure precauzionali.

Ore 11.20 Azzolina: fake news su scuole è da irresponsabili «Sono costretta a ripeterlo: in questa fase alimentare false notizie sulla chiusura delle scuole è da irresponsabili». Lo scrive il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina in un tweet che il premier Conte ha ritwittato. «Le decisioni vengono prese e comunicate dalle autorità competenti - aggiunge - Il consiglio è questo: ascoltare solo le fonti ufficiali».
Ore 11.09 Bulgarian Air sospende voli per Milano La compagnia nazionale bulgara, la Bulgarian Air, ha sospeso tutti i suoi voli da e per Milano fino al 27 marzo: lo ha annunciato la stessa società attribuendo la decisione all'aumento dei casi di coronavirus nel nostro Paese. Tutti i passeggeri dei voli cancellati possono chiedere il rimborso completo dei biglietti o cambiare la data del viaggio senza costi aggiuntivi, si legge in una nota della compagnia aerea. Gli specialisti, intanto, invitano a una maggiore cautela ma non drammatizzano. «Le relazioni tra Bulgaria e Italia sono molto più intense di quelle con la Cina - ha detto oggi ai giornalisti il dott. Anghel Kancev, vicepresidente del Centro nazionale di crisi, istituito per combattere l'epidemia di Covid 19 e impedire che l'infezione si diffonda in Bulgaria -. Il primo controllo che viene effettuato negli aeroporti si applica a tutti gli arrivi, soprattutto dall'Italia, sul nostro territorio. Ora, a seguito degli sviluppi in Italia, dobbiamo intensificare i controlli anche alle frontiere terrestri per non consentire la diffusione della malattia nel nostro Paese».

Il Centro nazionale di crisi è stato istituito ieri a Sofia in una riunione straordinaria del Consiglio di sicurezza presso il Consiglio dei ministri. «Sono trentasette a settimana i voli dall'Italia verso la Bulgaria, viaggiano tra 4.000 e 5.000 persone. Non ha senso sottoporre tutti ai test per il Covid 19 se non ne hanno sintomi», ha aggiunto Kancev. Commentando la diffusione del coronavirus in Italia, Kancev, ha rilevato che ci sono molte persone che, specialmente durante la stagione influenzale, mostrano sintomi di influenza, ma questo non dovrebbe essere un motivo per il panico«. Kancev ha spiegato che non tutte le aree in Italia sono rischiose e che non è necessario che tutte le persone che sono state nel Paese siano sottoposte ai test.


Ore 10.57 Milano, in stazione centrale atmosfera surreale CNella stazione Centrale di Milano si nota a vista d'occhio una presenza di persone inferiore al normale. Coloro che hanno deciso di partire ed i viaggiatori in arrivo sottolineano la «necessità di dover viaggiare, anche se le scene che si vedono sono come quelle di un film». Scarsa la presenza di viaggiatori alle biglietterie automatiche mentre si preferisce quelle con il personale di Trenitalia che, con pazienza e cortesia, forniscono tutte le informazioni richieste. In stazione, il personale di Trenitalia e molti dipendenti degli esercizi pubblici indossano mascherine e guanti. Molto meno tra i viaggiatori che preferiscono coprirsi la bocca e il naso con sciarpe fazzoletti. Nelle farmacie da giorni, ormai, sono esaurite le mascherine e il gel igienizzante. Quasi vuoti i bar e negozi dove i commessi fanno notare che «da stamane sono entrate poche persone. Una situazione che va avanti da quando é scattato l'allarme per il contagio». 

Ore 10.51 Aumentano checkpoint, arriva l'esercito Sono passati da 15 a 35 i check point che presidiano la zona rossa del Lodigiano interessata dall'emergenza coronavirus. Lo riferisce il capitano Michele Capone, comandante del Nucleo Investigativo dei carabinieri di Lodi. L'ufficiale spiega che «i check point sono sensibilmente aumentati sul perimetro della cinturazione e alcuni sono stati allestiti anche all'interno della zona rossa». Sul posto, prosegue, «è arrivato anche personale dell'Esercito».

Ore 10.40 Parlamento Ue: nessuna discriminazione verso Italia Fonti del Parlamento Ue sottolineano che la circolare sul Coronavirus, emessa dalla Direzione Generale del personale nella quale si chiede ai membri dello staff che negli ultimi 14 giorni hanno viaggiato nelle zone colpite dal Coronavirus, tra cui anche il nord Italia, di restare a casa per 14 giorni, è rivolta a tutti i dipendenti del Parlamento (quindi a tutti gli appartenenti alle 27 nazionalità dell'Ue). Le stesse fonti precisano che non c'è nessun tipo di discriminazione verso gli italiani.

Ore 10.15 Gb, autoisolamento per chi viene dall'Italia La Gran Bretagna impone da oggi «l'auto-isolamento» per 14 giorni a scopo precauzionale a tutti coloro che arrivano arrivano dal nord Italia (a nord di Pisa, Firenze e Rimini) e presentino sintomi «anche leggeri» d'un potenziale contagio da coronavirus. E la quarantena obbligata anche senza sintomi di sorta, per lo stesso periodo di tempo, per tutti coloro che arrivino dai paesi della Lombardia e del Veneto isolati su decisione del governo italiano. Lo si legge nelle indicazioni aggiornate dei suggerimenti del Foreign Office.

Ore 10.06 Conte: protocollo condiviso «Questo è il momento di confrontarsi con tutti i governatori, per concordare le prossime azioni. Noi proporremo un protocollo condiviso con tutti per evitare di andare in ordine sparso». Lo ha detto il premier Conte alla protezione Civile. «Da parte nostra c'è predisposizone alla collaborazione. E noi ce la faremo lavorando tutti insieme», ha aggiunto.

Ore 9.55 Bimba negativa in Piemonte «Il Piemonte è una regione di 4 milioni e mezzo di abitanti e tre casi positivi. Il quarto, una bambina, era in dubbio ed è risultata negativa. Sono casi che arrivano dalla Lombardia, uno dalla Cina. Non siamo focolaio». Così il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ai microfoni di Agorà su Rai Tre..

Ore 9.51 38 casi in Veneto Sono saliti a 38 i casi di persone positive al Coronavirus in Veneto. Lo riferisce il nuovo report della Regione Veneto. Sono 6 i contagiati in più rispetto a ieri. Nel cluster di Vò si contano ormai 29 casi di Covid-19 (tra cui una vittima), 4 in quello di Mira (Venezia), 5 in quello di Venezia. In totale 5 pazienti si trovano in terapia intensiva, mentre sono 18 le persone positive in isolamento domiciliare.

Ore 9.46 Mille in quarantena a Tenerife Mille persone in quarantena nell'hotel H10 Costa Adejie Palace, nella località di Adejie, dove si trovava alloggiato con la moglie il medico italiano risultato positivo al test del coronavirus a Tenerife. Lo scrive Diario de Avisos. Militari e forze dell'ordine impediscono alle persone presenti nell'hotel di uscire, così come al personale esterno di entrare nel complesso turistico.

Ore 9.40 Sport a porte chiuse in cinque regioni Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive «di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati». Lo prevede il testo del nuovo decreto attuativo sul Coronavirus che riguarda tutti i comuni delle regioni Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte. Resta consentito lo svolgimento di eventi e partite, nonché allenamenti, a porte chiuse nei comuni diversi da quelli della zona rossa del contagio, dove invece lo stop è totale.

Ore 9.31 Sospesi test patente In Veneto e Lombardia sospesi anche gli esami per la patente di guida negli uffici della Motorizzazione civile di 14 province (Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Milano, Padova, Parma, Pavia, Piacenza, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona e Vicenza). Lo prevede il nuovo dpcm attuativo del decreto sul Coronavirus. A chi non potrà sostenere l'esame per la sospensione verranno prorogati i termini (anche del foglio rosa). Verrà stabilito anche «un numero massimo degli accessi giornalieri» agli uffici, che dovranno individuare «idonei spazi di attesa esterni».

Ore 9.13 Sospese le gite scolastiche Gite scolastiche, sia i viaggi di istruzione sia le uscite o i progetti di scambio e gemellaggio, sospesi fino al 15 marzo per le scuole «di ogni ordine e grado». Lo prevede il dpcm attuativo del decreto sul Coronavirus firmato ieri sera che coordina le varie ordinanze degli ultimi giorni. Previsto il rimborso per chi ha già pagato i viaggi. Le assenze degli studenti oltre i 5 giorni andranno giustificate con certificato medico. Le scuole chiuse per l'emergenza potranno attivare «modalità di didattica a distanza».

Ore 8.40 Caso sospetto a Firenze Anche in Toscana, un caso sospetto di coronavirus a Firenze: si tratta di un italiano rientrato da Singapore, ricoverato in isolamento all'ospedale di Santa Maria Nuova, nel centro del capoluogo toscano. Si attende l'esito dei test a cui l'uomo è stato sottoposto. Riguardo al caso, dalla Regione si spiega che alle 10.30 sarà emesso un bollettino con notizie relative agli esiti degli ultimi tamponi effettuati in Toscana. Intanto all'ospedale di Santa Maria Nuova, secondo quanto appreso, è in corso la sanificazione dell'area di arrivo delle ambulanze. Aperto il pronto soccorso dell'ospedale davanti al quale è stata montata la tenda pre-triage prevista tra le misure della Regione in modo da far indossare la mascherina alle persone per le quali questa misura viene ritenuta necessaria, prima che entrino dentro l'ospedale. È stata invece ricoverata in isolamento all'ospedale di Careggi, in attesa dell'esito dei tamponi, la donna italiana che ieri sera, arrivata in treno da Venezia alla stazione di Firenze, è stata soccorsa dai sanitari perché accusava alcuni sintomi febbrili. Il video dell'intervento è stato anche pubblicato su Twitter. La stazione è sempre rimasta regolarmente aperta.

Ore 8.06 Turista di Bergamo in vacanza a Palermo trovata positiva È risultata positiva al coronavirus la turista di Bergamo in vacanza a Palermo che ieri sera è stata ricoverata nell'ospedale Cervello per i controlli dopo aver mostrato sintomi influenzali. Lo conferma la Regione siciliana che dice: «Abbiamo un sospetto caso positivo risultato tale all'esame del tampone». È stata disposta la quarantena per il gruppo di amici della donna e per le persone che sono state a stretto contatto coi turisti. Questo è il primo caso di coronavirus accertato nel Sud Italia.
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Febbraio 2020, 09:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA