Coronavirus, primo caso al Sud: è una turista bergamasca a Palermo. «Tre casi sospetti, tra cui il marito»

Coronavirus, primo caso al Sud: è una turista bergamasca a Palermo. «Tre casi sospetti, tra cui il marito»

È arrivato il primo caso di coronavirus al Sud Italia: è risultata infatti positiva la turista di Bergamo in vacanza a Palermo che ieri sera era stata ricoverata nell'ospedale Cervello per i controlli dopo aver mostrato sintomi influenzali. La conferma è arrivata dalla Regione siciliana: «Abbiamo un sospetto caso positivo risultato tale all'esame del tampone», recita la nota.

Leggi anche > Coronavirus, 283 contagiati in Italia: contagi in Croazia, Austria e Svizzera

CASI SOSPETTI SONO TRE Salgono a tre i casi «sospetti»: alla turista bergamasca di 66 anni ricoverata da ieri all'ospedale Cervello e al marito, risultato negativo al primo tampone e positivo al secondo, si è aggiunto anche un terzo componente del gruppo. I tamponi sono stati inviati all'ospedale Spallanzani di Roma per la conferma definitiva. Il gruppo di amici - in 30 erano arrivati a Palermo da Bergamo venerdì scorso - si trova in isolamento all'hotel Mercure. 

Leggi anche > Bannati gli utenti che vendono Amuchina e mascherine su Facebook


QUARANTENA PER 29 PERSONE La donna è stata isolata assieme al marito e l'esame di laboratorio per verificare il virus è stato ripetuto due volte. È stata disposta la quarantena per il gruppo di amici della donna e per le persone che sono state a stretto contatto coi turisti: sono 29 le persone che fanno parte del gruppo, che si trova nell' hotel nel centro città. I turisti rimarranno in isolamento nell'albergo in attesa dell'esito del tampone faringeo che è stato fatto a tutti. Oltre ai turisti sono in isolamento anche venti persone circa, tra cui personale dell'hotel, che sono state più a stretto contatto col gruppo.

GRUPPO TURISTI DAL 21 FEBBRAIO A PALERMO Il gruppo di turisti bergamaschi, di cui faceva parte la donna risultata positiva al coronavirus, è arrivato a Palermo da Orio al Serio il 21 febbraio scorso. Il protocollo internazionale di sicurezza prevede che si facciano controlli su persone sedute due file avanti e due file dietro la persona contagiata. Nonostante questo l'Asp sta contattando tutti i passeggeri tramite i recapiti forniti dalla compagnia aerea. La donna risultata positiva al coronavirus è stata posta in isolamento alle 14.30 di ieri. Prima in albergo, poi il nucleo dei vigili del fuoco Ncbr appena avuto conferma del primo tampone positivo l'ha portata all'ospedale Cervello con trasporto a pressione negativa. L'autista del pullman che ha trasportato il gruppo ha contattato stamattina il 118 dicendo di non avere alcun sintomo e di essersi posto in autoisolamento in attesa che vadano a fargli il tampone.


MUSUMECI: CAMPIONE ALLO SPALLANZANI Il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, dice: «Si tratta di una donna di origine bergamasca presente in Sicilia con una comitiva e arrivata a Palermo prima dell'inizio dell'emergenza in Lombardia». «Il campione esaminato al Policlinico di Palermo - ha aggiunto il governatore - verrà immediatamente inviato allo Spallanzani per ulteriori verifiche. La signora, che è stata posta in isolamento al reparto di malattie infettive dell'Ospedale Cervello, è pienamente cosciente e mi è stato riferito che non presenta particolari condizioni di malessere. Ringrazio tutti gli operatori perché la macchina sanitaria regionale si è mossa con prontezza ed ha dimostrato di essere pienamente allertata. Al termine degli accertamenti daremo tutte le informazioni necessarie».

Dopo il risultato - spiega la Regione siciliana - sono stati isolati «tutti coloro che hanno avuto contatti ravvicinati con la coppia, ai quali è stato nella notte prelevato un campione salivare mediante tampone faringeo». «Abbiamo immediatamente informato - dice il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci - la task force nazionale e l'Istituto Superiore di Sanità per concordare le procedure da adottare. Siamo impegnati dalla notte a mettere in atto le procedure previste, che sono state immediatamente eseguite grazie al lavoro di questi giorni». Musumeci è in stretto contatto col sindaco di Palermo Leoluca Orlando e con il prefetto Antonella De Miro.

Ultimo aggiornamento: Martedì 25 Febbraio 2020, 16:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA