Coronavirus, Burioni: «Chi torna dalla Cina deve stare in quarantena, i politici devono capirlo»

Coronavirus, Burioni: «Chi torna dalla Cina deve stare in quarantena, i politici devono capirlo»

Dopo la notizia dei tre contagi da coronavirus in Lombardia, il virologo Roberto Burioni, che da giorni si dice preoccupato della situazione, ha insistito sulla quarantena per chiunque torni dalla Cina. In un post sui suoi social, Burioni ha lanciato un appello anche per i politici perché capiscano che la situazione è grave e da non sottovalutare.

Leggi anche > Coronavirus, tre contagiati in Lombardia. In quarantena 70 tra familiari e sanitari

«Le ultime notizie mi portano a ripetere per l'ennesima volta l'unica cosa importante. Chi torna dalla Cina deve stare in quarantena. Senza eccezioni. Spero che i politici lo capiscano perché le conseguenze di un errore sarebbero irreparabili», ha scritto Burioni commentando il caso del 38enne positivo in prognosi riservata all'ospedale di Codogno. Oltre a lui sarebbero stati contagiati anche sua moglie e un suo collega venuto dalla Cina, con cui era stato a cena.

Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Febbraio 2020, 15:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA