Coronavirus, chi è il 38enne contagiato: «Lavora alla Unilever, ha giocato a calcio e fatto gara di corsa»

Coronavirus, chi è il 38enne contagiato: «Lavora alla Unilever, ha giocato a calcio e fatto gara di corsa»

Coronavirus, il 38enne contagiato e attualmente ricoverato in prognosi riservata al Codogno avrebbe avuto contatti con decine di persone, per via del suo lavoro e dei suoi hobby: per questo per amici, conoscenti e tutte le persone che sono state a contatto con lui in questi giorni, è scattata la quarantena.

Leggi anche > Coronavirus, tre contagiati in Lombardia: in quarantena 60 tra familiari e sanitari

Secondo quanto scrive online il Cittadino, testata lodigiana, «almeno altre cinque persone presentano in queste ore i sintomi del coronavirus, mentre due sarebbero i contagi oltre a quello del 38enne (fra cui la moglie)». «L'uomo, originario di Castiglione, lavora all'Unilever di Casale, dove è già stata avviata la procedura di emergenza, in attesa di indicazioni dalle autorità sanitarie. Per amici, conoscenti e tutte le persone che sono state a contatto con lui in questi è scattata la quarantena».



Leggi anche > Burioni: «Chi torna dalla Cina deve stare in quarantena, i politici devono capirlo»

«In queste ore - si legge - è in corso una 'mappatura' dei luoghi e delle persone che il 38enne ha frequentato negli ultimi giorni, prima del ricovero. Sabato scorso aveva partecipato a un corso di primo soccorso della Croce Rossa a Codogno, aveva giocato una partita di calcio con il Picchio di Somaglia e pare abbia partecipato a una gara di podismo sul territorio. Senza contare che, prima di avvertire i sintomi, è andato regolarmente al lavoro». 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Febbraio 2020, 17:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA