Coronavirus, Borrelli: «Pasqua e Pasquetta fuori? Assolutamente no, dobbiamo stare a casa»

Coronavirus, Borrelli: «Pasqua e Pasquetta fuori? Assolutamente no, dobbiamo stare a casa»

Quando finirà l'incubo coronavirus? Bisogna avere pazienza perché serviranno ancora altre settimane. A dirlo è stato il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, che in conferenza stampa durante i suoi consueti aggiornamenti quotidiani su contagi e vittime, ha sottolineato: «Andare a fare Pasqua e Pasquetta» fuori? «Assolutamente no».

Leggi anche > I dati di oggi: 727 morti, cresce il numero di tamponi

A chi gli sottolineava che da diverse parti d'Italia arrivano segnalazioni di iniziative per le prossime festività, Borrelli ha risposto in maniera caustica: «Dobbiamo stare a casa ancora - ha aggiunto - e rispettare il distanziamento sociale, che ci sta portando a risultati positivi».

Leggi anche > Decreto «omnibus», le anticipazioni: stretta fino al 13 aprile e stop allenamenti

Borrelli ha anche risposto a chi gli chiedeva se le terapie intensive stessero avendo un sovraccarico: «I posti sono stati ampliati e abbiamo trasferito dei pazienti. Non abbiamo alcuna segnalazione di persone che non sono riuscite ad entrare in terapia intensiva, a noi non è arrivato nulla», ha detto. «Gli ospedali, soprattutto quelli della Lombardia, sono molto impegnati e sono quasi al limite - ha aggiunto - ma con il lavoro dei medici e dei rianimatori si sta riuscendo a soccorrere tutti coloro i quali ne hanno bisogno». Il calo dei ricoveri in questi reparti «ci conforta, anche perché riusciamo a preservare quella capacità di cura» di cui abbiamo bisogno. 

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 1 Aprile 2020, 19:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA