Caso Suarez, il legale della rettrice: «Esame di italiano regolare, senza favoritismi»

Caso Suarez, il legale della rettrice: «Esame di italiano regolare, senza favoritismi»

Caso Suarez, il legale della rettrice dell'Università per stranieri di Perugia sostiene l'innocenza della sua assistita: «L'esame di italiano si è svolto regolarmente, senza alcun favoritismo».

Leggi anche > Luis Suarez, il tweet della direttrice dopo l'esame: «Grazie, è stato un piacere averti come studente»

David Brunelli, avvocato di Giuliana Grego Bolli, in un'intervista a La Stampa spiega che quanto rivelato dalle intercettazioni sarebbe frutto di un fraintendimento. «Quando viene detto che il calciatore doveva essere sul binario, il riferimento è al percorso formativo, non ad una scorciatoia per essere istruito a rispondere a delle domande. La professoressa Grego ha tenuto a precisare che il binario era inteso come iter educativo, come corso di studio. In ambito accademico si usa quel termine per definire il corso di studio degli stranieri in base alla loro lingua» - le parole del legale - «Devo ancora esaminare tutte le carte dell'inchiesta e ho avuto solo un rapido colloquio con la professoressa, ma quella frase non è stata capita».

Quando viene fatto notare che in una conversazione si parla di "instradare" Luis Suarez, facendogli memorizzare la parte dell'esame da sostenere, il legale replica così: «La mia assistita ribadisce la totale estraneità a qualsiasi illecito: il test si è svolto nel rispetto delle norme».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Settembre 2020, 15:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA