Iva Zanicchi contro Celentano: «Sbaglia a difendere il reddito di cittadinanza, l'ozio è il padre dei vizi»

Iva Zanicchi contro Celentano: «Sbaglia a difendere il reddito di cittadinanza, l'ozio è il padre dei vizi»

È scontro tra Iva Zanicchi e Celentano sul reddito di cittadinanza. «Come tutti, ho un amore fortissimo per Celentano, lo amo come artista ma non è detto che ogni volta che lui predica io sia d'accordo con lui. E in questo caso non lo sono: sulla difesa del reddito di cittadinanza la sua predica è sbagliata».

Reddito di cittadinanza, Inps: «Respinte 240mila domande dall'inizio dell'anno»

Il commento di Celentano

Iva punzecchia dunque il cantante in un'intervista alla Adnkronos sul post di Adriano Celentano in cui, parafrasando un suo vecchio successo - «chi non lavora, non fa l'amore» - scrive «chi non lavora... non va abbandonato», con chiaro riferimento alla abolizione del Rdc.

 

La posizione di Iva Zanicchi

«Io sono d'accordo nel difendere chi non ha un lavoro - premette la Zanicchi - ma sono altrettanto d'accordo con il Governo quando cerca di aiutare soltanto chi ha veramente bisogno, anche se mi rendo conto che questo è un ragionamento impopolare. Va bene ed è sacrosanto aiutare chi non lavora, ma se questi aiuti in modo sconsiderato vanno anche a ragazzi che il lavoro non lo cercano e restano a casa, magari sommando qualche lavoretto in nero al reddito di cittadinanza, allora non va bene: non si aiutano così, perché è diseducativo e si fa loro del male, perché l'ozio è il padre dei vizi», conclude Iva Zanicchi citando il popolare proverbio.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 9 Dicembre 2022, 22:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA