Otto cuccioli di cane appena nati chiusi in un sacchetto e buttati nella spazzatura, un uomo ammette: «Sono stato io»
di Simone Pierini

Otto cuccioli di cane appena nati chiusi in un sacchetto e buttati nella spazzatura, un uomo ammette: «Sono stato io»

Otto cuccioli di cane, chiusi dentro un sacchetto dell'immondizia e buttati nella spazzatura. Abbandonati al loro destino che, in poche ore, li avrebbe portati alla morte. Fortunatamente il loro lamento ha attirato le attenzioni dei passanti che hanno chiamato la polizia del Wisconsin, negli Stati Uniti. «Sembrava un miagolio di un gatto», hanno detto. Poi la scoperta: erano otto cuccioli appena nati

Trova un cane con il microchip, guida per 1500 km per riportarlo a casa ma fa una scoperta terribile​

Rincorre il Tir con le "sue" pecore per salvarle dal macello, la storia del cane Piquè commuove il web
 
 

I cuccioli sono stati salvati e portati al rifugio per animali Marshfield Area. Un uomo preso in custodia dalle forze dell'ordine ha ammesso di esser stato lui ad averli abbandonati: «Sì sono stato io a 'scartare' i cuccioli». Si chiama Robert Wild, 56 anni, ed è stato accusato di maltrattamenti e abbandono di animali. I cagnolini ora sono al sicuro e in affido, ma non saranno adottati fino a quando non saranno svezzati.
 
Giovedì 14 Marzo 2019, 18:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA