Navalny, il dissidente anti Putin condannato a nove anni per frode e oltraggio alla Corte

Il dissidente russo e leader dell'opposizione a Putin condannato per due reati distinti

Navalny, il dissidente anti Putin condannato a nove anni per frode e oltraggio alla Corte

Russia, il dissidente Alexei Navalny condannato a nove anni di carcere per frode e oltraggio alla Corte.

Leggi anche > Ucraina, Zelensky oggi parla alla Camera. Ecco chi non ci sarà e perché

Russia, Navalny condannato per appropriazione indebita

Il leader dell'opposizione russa Alexei Navalny è stato dichiarato colpevole di nuove accuse di appropriazione indebita. Navalny rischia così altri 13 anni di reclusione. «Navalny ha commesso una appropriazione indebita, ovvero il furto di proprietà altrui da parte di un gruppo organizzato», ha detto il giudice Margarita Kotova, secondo quanto riporta una giornalista dell'agenzia di stampa Afp presente sul posto.

L'udienza si è tenuta nel carcere di Pokrov, a pochi chilometri da Mosca, dove Navalny è detenuto da circa un anno. Per il tribunale il dissidente è responsabile di quattro casi di 'frode su larga scala' e successivamente, secondo la Interfax, la corte si pronuncerà sulle accuse di oltraggio che pesano nei suoi confronti. La scorsa settimana, parlando di pericolosità del dissidente, la Procura ha chiesto la condanna a 13 anni di carcere con una sanzione da 1,2 milioni di rubli, l'equivalente di circa 9.500 euro. Navalny è detenuto dal suo rientro in Russia nel gennaio dello scorso anno. Allora era stato condannato a scontare una pena di due anni e mezzo di reclusione, con l'accusa di frode, pronunciata nel 2014.

Russia, Navalny condannato anche per oltraggio alla Corte

Il leader dell'opposizione russa Alexei Navalny è stato dichiarato colpevole anche di oltraggio alla Corte. Lo ha reso noto il tribunale russo. La giudice Margarita Kotova, secondo quanto riporta una giornalista dell'agenzia di stampa Afp presente sul posto, ha detto che Navalny ha «insultato» un magistrato durante un processo precedente. «Navalny ha mancato di rispetto al tribunale, insultando un giudice», ha detto Kotova da un'aula di tribunale improvvisata nella prigione in cui il leader dell'opposizione russa è detenuto da circa un anno. Navalny sta scontando una condanna a due anni e mezzo di reclusione per violazioni della libertà vigilata relative ad accuse che secondo lui sono state inventate per contrastare le sue ambizioni politiche.

Navalny, la condanna: nove anni di carcere

L'oppositore russo Navalny è stato condannato a 9 anni di prigione. Lo fa sapere il tribunale. Navalny è stato condannato per «frode» e «oltraggio alla corte». Il giudice Margarita Kotova ha detto di aver aggiunto un anno e mezzo di libertà vigilata e una multa di 1,2 milioni di rubli, circa 10.000 euro al tasso attuale, alla sentenza, anche se il critico del Cremlino è già stato in prigione per più di un anno.

Navalny dopo la condanna: «Putin teme la verità»

Il presidente russo Vladimir «Putin ha paura della verità». Lo ha detto l'oppositore russo Alexei Navalny subito dopo la condanna a 9 anni, da parte di un tribunale russo.

Navalny, arrestati e poi rilasciati gli avvocati

Vadim Kobzev e Olga Mikhailova, gli avvocati dell'oppositore russo Alexei Navalny, sono stati rilasciati poco dopo essere stati fermati dalla polizia mentre parlavano con i giornalisti fuori dalla Corte dove il loro assistito aveva subito una nuova condanna a nove anni di reclusione. «Hanno liberato Olga Mikhailova e me - ha detto Kobzev, citato dai media russi - e sono stati così gentili che ci hanno anche riaccompagnato fino a dove erano parcheggiate la nostra macchina». 


Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Marzo 2022, 15:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA