Marco Pannone massacrato di botte a Londra, Tajani: «Dalla Farnesina tutto il supporto alla famiglia per capire cosa è successo»

Marco Pannone è in coma: ha subito l'asportazione di parte della calotta cranica

Marco Pannone massacrato di botte a Londra, Tajani: «Dalla Farnesina tutto il supporto alla famiglia per capire cosa è successo»

di Mario Landi

Cosa sia accaduto a Marco Pannone fuori da una pub di Londra la notte tra venerdì e sabato è ancora un misteroIl 25enne originario di Fondi è stato aggredito nella zona di Brixton, area sud della capitale britannica.

Il giovane è stato vittima di un pestaggio ed è attualmente ricoverato nel reparto di terapia intensiva del King's College Hospital.

Per far luce sulla vicenda e capire cosa sia accaduto al giovane italiano, la Farnesina ha interessato l'Ambasciata italiana a Londra che, con il Consolato italiano, sta offrendo tutto il supporto alla famiglia Pannone, con un interprete messo a disposizione. Del caso se ne sta occupando anche il ministro degli Esteri Antonio Tajani, in costante contatto con l'ambasciata italiana.

Marco, 25enne di Fondi massacrato in un pub di Londra. È in fin di vita, la famiglia: «Avvisati su Facebook»

Marco Pannone è in coma

Marco Pannone è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico alla testa ed è in coma, dopo che il suo corpo è stato trovato a terra sul retro del pub londinese.

La famiglia avvisata su Facebook

Ad avvisare la famiglia è stato, tramite Facebook, un amico del ragazzo che ha comunicato del pestaggio.

Marco Pannone si è trasferito a vivere a Londra sei anni fa. «Non riusciamo ad avere informazioni, è assurdo - dice lo zio a Leggo -. Possibile che non ci fossero telecamere dentro o fuori il locale? Perchè nessuno ci aiuta? Siamo stati completamente abbandonati anche dalle istituzioni italiane. Abbiamo chiesto aiuto al Consolato, anche un interprete perché non parliamo la lingua».

 

Ultimo aggiornamento: Martedì 6 Dicembre 2022, 22:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA