Allarme Momo: «Gioco suicida nei video di Peppa Pig e Fortnite su YouTube»
di Luca Calboni

Allarme Momo: «Gioco suicida nei video di Peppa Pig e Fortnite su YouTube»

Occhi molto pronunciati e grossi, capelli neri e un sorriso orribile sul suo volto: vi ricordate Momo, l'inquietante volto che ha terrorizzato i ragazzi di tutto il mondo e che si ritiene collegato a una serie di giochi che hanno portato alla morte di diversi adolescenti? Ora è tornato: l'allarme non va sottovalutato dai più grandi, perché adesso quella terribile immagine si nasconde su internet.

Momo Challenge mortale, 14enne si impicca per colpa della sfida social

Momo ha fatto la sua apparizione nel 2018, quando attraverso whatsapp i più giovani venivano contattati per messaggio o chiamata vocale da un profilo sconosciuto che aveva proprio quel volto deformato. E ora avrebbe preso di mira non solo gli adolescenti, ma anche i piccolissimi fan di Peppa Pig. L'allarme infatti riguarda i video caricati su YouTube e che per lunghi tratti sono innocenti clip sulla maialina o di gameplay (registrazioni di sessioni di gioco) del videogame Fortnite: ma all'interno di alcuni di loro si potrebbe nascondere il terribile volto di Momo, capace di una forza coercitiva tale da portare i ragazzi a procurarsi del male fisico, per arrivare a  portarli fino al suicidio

Momo Game, cosa sappiamo sul gioco che spopola su Whatsapp

Secondo quanto riportato dal Daily Mail infatti i messaggi di Momo verso i giovani ragazzi varierebbero dal convincere tutti a temere Momo stessa, pena la minaccia di essere uccisi nel sonno, o ingerire specifici medicinali, fino ad aprire il gas in casa. Il tutto senza farsi scoprire dai propri genitori. 

LA POSIZIONE DI YOUTUBE «Contrariamente a quanto affermato dalla stampa, non abbiamo trovato alcuna prova di video che mostrano o promuovono la Momo Challenge su YouTube. Contenuti di questo genere sono in violazione con le nostre politiche e, qualora trovati, sarebbero rimossi immediatamente dopo essere stati contrassegnati come tali» .


 
Giovedì 28 Febbraio 2019, 14:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA