Nuoto, Pellegrini lancia la Isl: sarà rivoluzione

Nuoto, Pellegrini lancia la Isl: sarà rivoluzione

«Sono molto contenta di poter partecipare alla International Swimming League. Sarà la rivoluzione del nuoto, l'obiettivo è portare l'intero movimento in una nuova dimensione. Il nuoto ha il dovere di diventare uno sport professionistico». La veneziana  Federica Pellegrini - star anche in tv in Italia's Go Talent - ha firmato oggi a Milano il contratto che la lega ufficialmente alla Isl, la 'Champions Leaguè del nuoto che vedrà il proprio debutto nel 2019. Un progetto fortemente osteggiato dalla Federazione internazionale (la Fina) che minaccia gli atleti di sospensioni e addirittura di estrometterli dalle Olimpiadi.

«Questo braccio di ferro - spiega la "Divina" di Spinea, che unirà il ruolo di atleta a quello di 'Global Ambassador' della manifestazione - non ha senso e sono certa si troverà un accordo per soddisfare tutte le parti in causa. D'altronde come si potrebbero fare le Olimpiadi senza gli atleti di élite?».

L’International Swimming League è partito il 18 e 19 dicembre da Stamford Bridge, Fulham, Londra, sede del Chelsea. L’obiettivo è quello di fornire agli atleti “gli strumenti per costruire un futuro più luminoso per il nuoto in un contesto professionale, iniziando con la creazione di un’Associazione mondiale di nuotatori. Avere una voce collettiva aiuterà i nuotatori a gettare le basi per un futuro migliore, sia durante che dopo la loro carriera sportiva. Questo è il momento in cui gli atleti possono fare la storia come i pionieri che hanno cambiato il loro sport in meglio.

La "SuperLega", guidata dal magnate Konstantin Grigorishin, intende lanciare una serie di eventi a squadre pro’ a partire dal 2019. Finora questi sforzi sono stati bloccati dalla Fina, che minacciava sospensioni, ma tanti campioni come Adam Peaty, Katinka Hosszu, Sarah Sjostrom, Ryan Murphy e Cameron van der Burgh hanno sollecitato la Fina a ripensare alla situazione monopolistica di adesso. Mentre lo sport globale è un business redditizio che vale miliardi, e i nuotatori generano centinaia di milioni di entrate per Fina, gli atleti  si allenano e competono come professionisti ma non hanno, come dice Grigorishin, “nè stipendi, garanzie sociali, benessere, assicurazione medica e sulla vita o diritto alla pensione “. Federica Pellegrini, 30 anni, olimpionica, primatista mondiale e tricampionessa iridata e 4 ori europei nei 200 sl Federica Pellegrini, 30 anni, olimpionica, primatista mondiale e tricampionessa iridata e 4 ori europei nei 200 sl La Lega si è impegnata a cambiare tutto questo, iniziando con la creazione di un’Associazione di nuotatori professionisti che rappresenterà gli atleti per costruire una partenarship con gli organizzatori di eventi, e difendere i diritti di primaria importanza dei professionisti. L’Isl ritiene che il nuotatore dovrebbe avere una priorità in tutte le decisioni che riguardano la categoria e lo sviluppo del loro sport. Oltre ai nuotatori di livello mondiale l’invito all’evento di Stamford Bridge è esteso ai nuotatori d’elite per dar voce a se stessi e agli altri nuotatori e ai loro valori”.

 
Ultimo aggiornamento: 17:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA