"Mi chiamo Francesco Totti" vince il Nastro d'Argento 2021, l'ex capitano della Roma premiato protagonista dell'anno

"Mi chiamo Francesco Totti" vince il Nastro d'Argento 2021, l'ex capitano della Roma premiato protagonista dell'anno

Mi chiamo Francesco Totti di Alex Infascelli è il Nastro d'Argento 2021 per il Cinema del reale mentre The Rossellinis di Alessandro Rossellini, ritratto di una famiglia allargata, il miglior documentario sul cinema. Così i Giornalisti Cinematografici che inoltre hanno assegnato il Premio per la docufiction a Il caso Braibanti di Carmen Giardina e Massimiliano Palmese e attribuito una menzione speciale a La verità su La dolce vita di Giuseppe Pedersoli.

 

In un'edizione dedicata quest'anno alla memoria di Cecilia Mangini, per cui parla ancora una volta il suo straordinario lavoro nell'ultimo documentario - in 'cinquinà - realizzato con Paolo Pisanelli, il Direttivo del Sindacato ha voluto inoltre indicare due titoli, fuori selezione, nati per la tv: SanPa - Luci e tenebre di San Patrignano di Cosima Spender, serie originale Netflix, e Edizione Straordinaria di Walter Veltroni, proposto da Rai Cultura con il materiale di Rai Teche. A Punta Sacra di Francesca Mazzoleni - viaggio d'autore alla foce del Tevere dove ancora è vivo il ricordo di Pier Paolo Pasolini - va il neo Premio Valentina Pedicini.

 

Tornando ai vincitori dei Nastri Mi chiamo Francesco Totti riceve anche il Premio per il protagonista dell'anno, ovviamente Francesco Totti che ha messo in campo, oltre il pallone, la sua immagine, la sua vicenda umana e professionale e le sue emozioni più intime. Entra invece nella storia di un vero e proprio 'clan' familiare che non si è mai raccontato con tanta sincerità, The Rossellinis diretto da Alessandro Rossellini. I protagonisti, insieme ad Alessandro sono Isabella, Renzo, Robin, Ingrid, Gil, Nur e, ovviamente il grande Roberto. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 10 Marzo 2021, 16:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA