La virologa Capua: «Prima del 2023 non ci libereremo del virus, siamo sfiniti ma bisogna essere lucidi»

Covid, la virologa Ilaria Capua: «Siamo sfiniti, ma prima del 2023 non ci libereremo dalla pandemia»

Ilaria Capua per liberaci dal Covid vede tempi lunghi, linghissimi. «Se noi gestiremo bene la campagna di vaccinazione, per tutto il 2021 cercheremo di abbassare il numero di focolai. Nel 2022 la popolazione sarà vaccinata, quindi si potrà circolare con molte meno mascherine. Ma, mi dispiace, io non credo che prima del 2023 ci sarà un libera tutti. Ci vuole tempo per vaccinare le persone e per gestire un fenomeno trasformazionale come una pandemia». E’ la previsione della direttrice dell’One Health Center della Università della Florida, nel corso della trasmissione “Dimartedì”.

La virologa spiega: «Sono preoccupata perché siamo tutti sfiniti: i medici, gli infermieri, i cittadini, coloro che devono prendere le decisioni. Dobbiamo tenere gli argini e non dobbiamo perdere la lucidità in questo momento, perché siamo arrivati alla campagna di vaccinazione. Soltanto quando gli ospedali potranno ricominciare a servire i cittadini, potrà ripartire il Paese. Quindi, è assolutamente importante che prima dell’estate arriviamo a vaccinare tutte le fasce della popolazione a rischio, cioè tutti quelli che possono finire in ospedale, perché il virus non andrà via e continuerà a circolare».

Vaccini, Bassetti difende i fragili: «Manca un piano per trapiantati, obesi, immunodepressi e disabili»

Covid, l'immunologa Viola: «Immunità di gregge impossibile per l'estate, manca un piano vaccini per i ragazzi»

Covid, i nanoanticorpi bloccano il virus. «A breve sperimentazione sull'uomo»

Vaccino, un infermiere positivo tra la prima e la seconda dose: «Hanno aspettato un mese, così ho preso il virus»

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Gennaio 2021, 21:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA