L'ultima collezione di Lagerfeld per Fendi: a Milano la prima sfilata senza di lui

L'ultima collezione di Lagerfeld per Fendi: a Milano la prima sfilata senza di lui

L'ultima collezione disegnata da Karl Lagerfeld, la prima sfilata senza di lui: tutto parla del grande stilista appena scomparso sulla passerella di Fendi, dalla F stilizzata con un cuore come trattino da lui disegnata, posta su ogni seduta, al video-omaggio che chiude la passerella e spinge tutto il pubblico ad alzarsi in piedi, telefonino in mano e occhi lucidi. Silvia Venturini Fendi - che proprio a Lagerfeld si era ispirata per la sua ultima collezione uomo, in passerella solo poche settimane fa a Milano - oggi affida il suo dolore a una nota: «Il legame tra Karl Lagerfeld e Fendi è la storia d'amore più lunga della moda, che continuerà a toccare la nostra vita per gli anni a venire. Sono profondamente addolorata dalla sua scomparsa e estremamente commossa dalla sua dedizione e perseveranza profuse fino alla fine».
 
 


«Quando ci siamo sentiti, alcuni giorni prima della sfilata, i suoi unici pensieri - ricorda - erano dedicati alla ricchezza e bellezza della collezione. È una vera testimonianza della sua personalità». Ed è la testimonianza di una lunga storia d'amore, iniziata nel 1965, e di dedizione alla moda, quella andata in scena sulla passerella decorata dal logo in corsivo della doppia F, il 'Karligraphy' disegnato da Karl, che torna sui bottoni cabochon e sulle pellicce intarsiate e sembra un tatuaggio sulle calze e sui dolcevita di tulle color carne. Sono un omaggio a Lagerfeld anche i colletti a punta delle camicie, che si abbottonano alte, come faceva lui, e la chiusura della borsa con il logo con il cuore.

LEGGI ANCHE
 Karl Lagerfeld, la vita e i luoghi più amati a Roma

E vengono dalla sua ispirazione le stampe wallpaper giapponesi che diventano la texture di abiti in organza e satin e che il Kaiser aveva mandato all'ufficio stile della maison. Il suo segno è forte nel contrasto tra romantico e architettonico, che pervade gli abiti con le spalle a pagoda, la gonna a pieghe asimmetriche e un grande nastro con fiocco. I cappotti dal taglio a camicia sono tagliati al laser, le gonne a portafoglio hanno pieghe a cannoncino, il giaccone di pelle è aperto da zip, il nuovo completo gioca tra forma e trasparenza, tutto nel segno dell'uomo che la maison romana oggi ha scelto di ricordare con un video dove è lui stesso a disegnare uno schizzo di com'era vestito quando varcò per la prima volta la soglia di Fendi, più di 50 anni fa.

Ultimo aggiornamento: 19:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA