Roma, il colpo di coda di luglio: «Ricoveri raddoppiati»
di Lorena Loiacono

Roma, il colpo di coda di luglio: «Ricoveri raddoppiati»

I contagi restano alti e i ricoveri aumentano: sono praticamente raddoppiati nell'ultima settimana. In crescita anche i pazienti nelle terapie intensive. A far alzare i ricoveri sono anche i giovani: la temuta variante delta sta attaccando soprattutto loro. Il motivo? Le persone di fascia di età più avanzata sono per lo più vaccinate. E allora servono controlli a tappeto per tutti: prima delle vacanze si fa il vaccino e, al rientro, il tampone.

 

Roma avvolta dall'afa: temperature percepite anche al di sopra dei 40° e notti da incubo con umidità fino al 93%

 


Sono queste le raccomandazioni degli esperti per evitare che Roma riveda i picchi di contagi al ritorno dalle ferie, come accaduto un anno fa. «La variante delta è molto contagiosa sottolinea i professore Roberto Cauda, direttore di Malattie infettive del Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs di Roma e l'aumento dei contagi dipende dalle feste di piazza degli Europei ma non solo: ritengo che siano i comportamenti a rischio a far diffondere i contagi. Mi riferisco agli assembramenti e non solo al chiuso. È ancora molto importante ricordare che l'uso della mascherina è consigliato anche all'aperto, se ci troviamo con tante persone. Serve il tracciamento, anche con i tamponi per chi rientra dalle vacanze, ma serve soprattutto vaccinare le persone prima di partire. Bene l'iniziativa messa in campo all'aeroporto di Fiumicino, con vaccinazioni last minute. Penso sia ai giovani, per evitare focolai come un anno fa, sia agli over 60: ne abbiamo ancora troppi senza la prima dose. Stiamo vedendo crescere il numero dei ricoveri e anche le cure a domicilio, per evitare di premere troppo sulle strutture ospedaliere».


I dati di ieri registrano 543 nuovi positivi, ben 351 di questi sono solo a Roma, 254 ricoveri con 14 in più sul giorno precedente e 35 persone in terapia intensiva, una in più rispetto alle precedenti 24 ore. Il dato dei ricoveri salta all'occhio perché appena una settimana fa, il 20 luglio scorso, erano 133 con 28 persone in terapia intensiva.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Luglio 2021, 09:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA