Roma, agguato ad Acilia: arrestato un quarantenne. Si indaga su un prestito di denaro
di Emilio Orlando

Roma, agguato ad Acilia: arrestato un quarantenne. Si indaga su un prestito di denaro

Svolta investigativa sull’agguato a colpi di pistola avvenuto venerdì sera ad Acilia, dove era stato ferito ad una gamba un uomo incensurato di 53 anni. La polizia dopo un’indagine lampo ha fermato un quarantenne della zona accusato di essere il responsabile del ferimento. Sul movente dell’esecuzione gli inquirenti mantengono il massimo riserbo ma da alcune indiscrezioni sembrerebbe che alla base della sparatoria ci siano questioni economiche legate probabilmente ad un prestito di denaro.

Leggi anche> Dai campi Rom del napoletano in trasferta nella Capitale per rubare nelle ville: arrestate tre persone

La pista seguita dagli investigatori si è rivelata subito promettente e li ha condotti fino all'esecutore. Il fattaccio è accaduto in via Francesco Ingoli, davanti ad una sala giochi. Il cinquantatreenne E. L è stato raggiunto da un colpo di pistola alla gamba. Il sicario non ha esitato a sparare in pieno centro cittadino, in una strada affollata quando i negozi erano ancora aperti. Poi è si è dato alla fuga a piedi. Ma all’agguato hanno assistito numerosi testimoni e alcune telecamere sembra abbiano registrato delle immagini giudicate dagli investigatori interessanti.

La polizia scientifica, intervenuta ad Acilia, ha subito effettuato i rilievi. Il ferito, trasportato all’ospedale Grassi di Ostia, dopo aver ricevuto le cure dei medici ha fornito ai detective le informazioni utili per ricostruire la dinamica dei fatti. In in un primo momento gli investigatori hanno propeso per un regolamento di conti maturato nell’ambito della criminalità organizzata di Ostia e di Acilia, ma con il passare delle ore questa ipotesi ha ceduto il passo a quella meno complicata di una vendetta sul piano personale. Infatti l’uomo gambizzato non ha precedenti penali di alcun tipo né risultano a suo carico segnalazioni o informative che lo collocano tra le fila della malavita. L’episodio suscitò anche reazioni a livello politico nel X municipio dove l’allarme sicurezza è ormai all’ordine del giorno. Proprio la scorsa settimana è arrivata anche dopo la richiesta di condanna alla ergastolo per tre esponenti del clan Spada, che detengono l’ egemonia criminale ad Ostia e nelle zone limitrofe.
Martedì 17 Settembre 2019, 02:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA