Maltempo, anche a Fregene mareggiata choc: stabilimenti devastati, gestori disperati

Sul litorale romano si è abbattuto con forza il maltempo e la mareggiata ha devastato gli stabilimenti balneari

Maltempo, anche a Fregene mareggiata choc: stabilimenti devastati, gestori disperati

Che il maltempo sarebbe arrivato era risaputo, ma nessuno poteva immaginare che potesse creare danni così ingenti. La burrasca, soprannominata «Santa Cecilia», che si è abbattuta sul litorale romano ha devastato gli stabilimenti balneari. Una vera e propria Caporetto in riva al mare. 

Leggi anche > Maltempo, mareggiata e danni a Ostia: «Persone salvate in casa». Stabilimenti balneari devastati

 

La mareggiata

 

Martedì 22 novembre, attorno alle 7:30 di mattina, il mare aveva già raggiunto livelli preoccupanti. Le onde alte, unite a un'alta marea dovuta alla forza del libeccio, hanno portato a una mareggiata senza precedenti. E a farne le spese più gravi sono stati gli stabilimenti balneari di Fregene. Alla «Nave», il forte vento e la forza delle onde non hanno permesso per molti minuti di avvicinarsi, nel tentativo di limitare i danni. 

La forza distruttrice 

La forza distruttrice dell'acqua si è abbattuta sugli stabilimenti. Il mare ha raggiunto i corridoi tra le cabine portando con sé detriti di ogni genere e, in pochi istanti, molte costruzioni sono state demolite. Gli scogli artificiali messi a protezione del litorale non esistevano più. Le onde hanno iniziato a colpire direttamente le strutture, martoriandole con forza. Ma non solo. I danni hanno riguardato anche i locali interni come ristoranti e terrazze. E, alla fine, la mareggiata si è abbattuta anche sulle strutture a vetro. Vetri blindati, costati una fortuna, che sono stati spazzati via dal mare, divelti e distrutti dall'impeto dell'acqua. 

Gestori disperati

La reazione dei gestori degli stabilimenti non ha tardato ad arrivare. Tra pianti e sguardi persi nel vuoto, i titolari degli stabilimenti sono consapevoli che è stato un duro colpo dal quale sarà difficile rialzarsi. Un colpo micidiale che mette a rischio la prossima stagione balneare del litorale romano.


Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Novembre 2022, 18:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA