L'autopsia conferma: Filippone ha spinto la moglie Marina dal terrazzo, non è stato suicidio. La bimba morta sul colpo

L'autopsia conferma: Filippone ha spinto la moglie Marina dal terrazzo, non è stato suicidio

Non una caduta accidentale e non un suicidio: Marina Angrilli sarebbe stata spinta giù dal balcone. Lo confermano le prime indiscrezioni trapelate sull'esito dell'autopsia sul corpo della moglie di Fausto Filippone, eseguita all'obitorio di Chieti. E a scaraventarla di sotto, sono convinti gli inquirenti, sarebbe stato proprio lui. Lo confermano - secondo quanto apprende l'Ansa - le prime indiscrezioni trapelate sull'esito dell'autopsia sul corpo della moglie di Fausto Filippone, eseguita all'obitorio di Chieti dal medico legale Cristian D'Ovidio.





L'accertamento avrebbe consentito di appurare che, per tipologia di lesioni e di traiettorie, la donna non si sarebbe suicidata. Escluso anche malore e colluttazione.

LEGGI ANCHE: Filippone, la frase al poliziotto che rivela il suo folle piano: «Mia moglie deve farsi perdonare»


È morta sul colpo nell'impatto al suolo la piccola Ludovica, la bimba di 10 anni lanciata da un viadotto dell'A14 dal padre Fausto Filippone (49), che poi si è suicidato allo stesso modo dopo ore di trattative. Lo conferma l'autopsia eseguita sul corpo della piccola dal medico legale Cristian D'Ovidio all'obitorio dell'ospedale di Chieti. La ragazzina, secondo quanto appreso, è morta per la «lesività riportata nella precipitazione da grande altezza». Il viadotto Alento, a Francavilla al Mare, è alto infatti circa 40 metri. L'esame autoptico sul corpo di Filippone ha confermato anche per l'uomo le stesse cause di morte della figlia. Il medico legale ha prelevato campioni per esami tossicologici ed istologici, per capire se padre e figlia avessero assunto sostanze che potevano alterare le loro condizioni psicofisiche.
Ultimo aggiornamento: 23 Maggio, 10:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA