Venezia, sfregiata la basilica del Redentore. La condanna Zaia: «È ignoranza, gesto oltraggioso e incivile»

La storica chiesa palladiana che si affaccia sul canale della Giudecca è stata presa di mira da ignoti: al setaccio le immagini delle telecamere di videosorveglianza

Venezia, sfregiata la basilica del Redentore. La condanna Zaia: «È ignoranza, gesto oltraggioso e incivile»

Ancora atti di vandalismo a Venezia. Una settimana fa ad essere presa di mira era stata la chiesta di Sant'Antonino a Castello e, adesso, a farne le spese è stata la basilica del Redentore. Sull'isola della Giudecca la basilica è stata imbrattata nella notte tra domenica 15 e lunedì 16 maggio. Vandali, ancora ignoti, hanno sporcato con colore e una formula matematica, la storica chiesa palladiana alla Giudecca a Venezia. Sono subito scattate le ricerche degli autori dello sfregio. 

 

Leggi anche > Dà fuoco alla casa, la moglie si lancia dal terzo piano per salvarsi: gravi entrambi, anche i figli in ospedale

 

 

CACCIA AI VANDALI

 

Il gesto è stato riportato sui social e ha fatto in breve il giro del web, creando disappunto e sconcerto. In Campo del Redentore è posizionata una telecamera, che potrebbe aiutare le forze dell'ordine nel rintracciare i responsabili del gesto

 

 

L'ALLARME DELLA DIOCESI

 

C'è preoccupazione per quest'atto di vandalismo. Secondo la Diocesi, i writers sono tornati in azione da qualche tempo. Prima avevano colpito solo impalcature di chiese in ristrutturazione: San Salvador e San Stae. Martedì 10 maggio, invece, era toccato alla chiesa Sant'Antonino. Stanotte al Redentore, la più visibile visto che si affaccia sul Canale della Giudecca.

 

L'ATTACCO DI ZAIA

 

«Qualunque sia il movente di un simile gesto, si tratta di una vera dimostrazione di ignoranza. Ignoranza del valore artistico della chiesa del Redentore, edificio palladiano, e dell’importanza identitaria che ha per Venezia e il Veneto; la festa che la vede da secoli protagonista a luglio è uno degli appuntamenti più importanti per la nostra terra». Così il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha commentato la notizia. I vandali hanno imbrattato l’antico edificio di culto sull’isola veneziana della Giudecca e il governatore del Veneto non ha potuto fare a meno che definire l'atto vandalico come «oltraggioso e incivile». «Gli inquirenti faranno luce su quanto è accaduto - conclude il governatore -. Intanto esprimiamo la più ferma condanna per un simile gesto oltraggioso e incivile». 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Maggio 2022, 19:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA