Uomo dato alle fiamme, il papà dell'indagato a casa di Nicola: «È stato mio figlio, non chiamate la polizia»

Video

Clamorosa novità nel caso di Nicola Liguori, il 36enne dato alle fiamme dopo essere stato cosparso di liquido infiammabile mentre era in videochiamata con la fidanzata, a Frattamaggiore (Napoli). Dopo la tragedia, dopo che Nicola era stato aggredito mentre era seduto su una panchina, davanti a una statua della Madonna, a casa della vittima si è recato il padre di Pasquale Pezzella, il 39enne accusato di essere l'autore del gesto, il quale, al fratello di Nicola, Biagio, ha detto che era stato il figlio.

Dato alle fiamme, l'indagato al gip: «Non sono stato io». Il giallo delle parole al fratello

Secondo il racconto fornito da Biagio agli inquirenti, il padre di Pezzella, dopo avere chiesto di non avvertire le forze dell'ordine, avrebbe anche offerto soldi per le cure. Biagio ha spiegato che, inizialmente, ha preferito nascondere questo episodio alle forze dell'ordine perché intimorito dal tenore criminale della famiglia dell'indagato. Ha anche detto che il fratello Nicola, durante il trasporto in ospedale, malgrado dolorante era ancora lucido: prima di arrivare al pronto soccorso avrebbe indicato proprio Pasquale come l'autore dell'aggressione insieme a un altro giovane di cui però non sapeva fornire il nome.

Nicola Liguori (Il Mattino)

Frattamaggiore, la verità del fratello dell'uomo bruciato vivo

La circostanza resa nota da Biagio Giordano, fratello di Nicola, fa parte degli elementi raccolti dagli investigatori della Polizia di Stato, coordinati dalla Procura di Napoli Nord, e finiti nel provvedimento di fermo di Pezzella, oggi convalidato dal gip, che ha disposto il carcere per il 39enne. Pezzella ha respinto ogni accusa, ma la telefonata del padre, Claudio Pezzella, ritenuto elemento si spicco delle organizzazioni camorristiche locali e fratello di un boss ergastolano, ha corroborato l'ipotesi accusatoria.

Pasquale Pezzella (Il Mattino)

Nel cellulare di Biagio Giordano, fratello di Nicola Liguori, gli inquirenti hanno trovato la telefonata partita dal cellulare intestato alla figlia di Claudio Pezzella; questi, il giorno dopo il fatto, si sarebbe anche recato a casa della madre di Liguori, come raccontato dalla donna, con lo scopo di evitare una denuncia al figlio, rendendosi inoltre disponibile a pagare le spese mediche per Nicola. Dalle indagini, è poi emerso che Biagio e la madre non hanno denunciato immediatamente Pasquale Pezzella alle forze dell'ordine per paura di ritorsioni visto la caratura criminale dei parenti del 39enne.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 7 Luglio 2022, 10:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA