Uccise il figlio con 10 coltellate, Mirko Tomkow condannato all'ergastolo

Uccise il figlioletto con 10 coltellate, Mirko Tomkow condannato all'ergastolo

Ha ucciso il figlio Matias a coltellate lo scorso 16 novembre, oggi  è stato condannato all'ergastolo. La sentenza è arrivata intorno alle 13:45: l'uomo aveva confessato davanti alla Corte d'Assise di Viterbo di aver premeditato l'omicidio. Aveva raccontato di essere entrato in casa quando non c'era nessuno e aveva aperto la porta della soffitta grazie a un coltello da cucina. «Mentre ero lì ho sentito le ruote dello zaino di mio figlio  - ha detto Mirko Tomkow - che sbattevano sui gradini e sono sceso. Appena mi ha visto ha urlato di andarmene via». 

Matias, ucciso a 10 anni dal papà. «Ero ubriaco e lui gridava, così l'ho fatto smettere»

Matias, la mamma dimessa dall'ospedale: «Dolore devastante, in quella casa non torno»

Dieci coltellate

Così il padre 45enne, di origine polacca, ha ucciso il figlio di 10 anni inizialmente soffocandolo con il nastro sulla bocca e poi con dieci coltellate, una di queste conficcata nel petto. Il padre omicida ha poi nascosto il cadavere nel cassettone del letto e lo ha cosparso di benzina. 

Maltrattamenti in famiglia

Non si nasconde la possibilità che l'uomo volesse anche uccidere la moglie, l'impuntato infatti non avrebbe dovuto trovarsi in quella casa da cui era stato precedentemente allontanato per maltrattamenti in famiglia, col divieto di avvinarsi all'ex moglie e al bambino. 

Mirko Tomkow, condannato a carcere a vita dal giudice Eugenio Turco, si trova adesso nel carcere di Mammagialla, a Viterbo.

 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 8 Luglio 2022, 16:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA