Telegram, le chat dell'orrore: filonazismo e pedopornografia, arrestati tre giovani

Facevano parte di un gruppo accusato di incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, etnici e religiosi

Video

di Redazione web

La Polizia di Stato, coordinata dalla Dda di Genova, sta eseguendo tre misure cautelari (due in carcere e una ai domiciliari) nei confronti di altrettanti giovani accusati di far parte di un gruppo Telegram avente tra i propri scopi l'incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, etnici e religiosi nonché di apologia di gravi crimini anche di tipo terroristico (come omicidi e stragi) oltre che di diffusione di materiale pedopornografico. Le indagini sono state condotte dalla Digos di Genova e dal Servizio per il contrasto all'estremismo e terrorismo interno della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione della Polizia di Stato, unitamente a personale del Centro operativo per la Sicurezza cibernetica Liguria e del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni. 

Post choc su Facebook: «Mia figlia violentata per un'ora da quest'uomo, state attenti». Cosa è successo

Pedopornografia: diffondevano immagini di bimbi vittime di abusi, denunciati 7 minori

Postavano foto e video di bimbi stuprati: denunciati 7 minori (anche una ragazza). La polizia: «Indifferenti all'orrore»

Le perquisizioni

 

Gli investigatori della Digos, coordinati dal pm Federico Manotti, e dalla collega Gabriella Dotto del gruppo specializzato soggetti deboli della Procura, stanno eseguendo perquisizioni nei confronti di alcuni minorenni a Torino, Lanciano e Sanremo in esecuzione di decreti emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Genova.

Le chat dell'orrore

 

La successiva attività di approfondita ricerca e analisi dei contenuti, ha consentito di rintracciare materiale multimediale. In particolare, i giovani, di età compresa tra i 14 e i 21 anni, scambiavano sulla piattaforma multimediale file video e immagini pedopornografiche, di coprofagia, di necrofilia, di decapitazioni, torture ed esecuzioni provenienti dagli ambienti jihadisti , mutilazioni e automutilazioni, violenze xenofobe, razziste e omofobe accompagnati da commenti di approvazione ed esaltazione e intrisi della retorica tipica della ideologia suprematista. Le loro conversazioni, basate sull'odio antisemita e nei confronti delle persone di colore, palesano simpatie per Hitler e il nazismo oltre a atteggiamenti misogini da cui deriva divertimento per la visione di video di donne, perlopiù minorenni, che si suicidano o che vengono violentate o uccise. È altresì emersa l'esaltazione, nelle chat, nei confronti degli school shooters, autori di massacri di massa nelle scuole elementari e medie, i cui video delle stragi vengono condivisi nella chat e le gesta fatte oggetto di intenzioni emulative. Alcuni dei giovani hanno inaugurato una vera e propria «campagna di addestramento» al tiro con armi ad aria compressa utilizzando come «bersaglio» effigi di importanti cariche dello Stato in varie zone abbandonate della città di Genova nell'ottica della realizzazione di un «progetto stragista» di enormi dimensioni alle Istituzioni democratiche.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Novembre 2022, 14:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA