Il Sud Italia protetto da uno «scudo genetico». La nuova tesi degli immunologi

Coronavirus, tra i fattori chiave che hanno contribuito a disegnare in modo tanto netto la mappa dell'epidemia di in Italia ci potrebbe essere anche «un'interazione fra Dna e ambiente». È la tesi di Antonio Giordano, scienziato italiano trapiantato negli Usa, fra gli autori di un articolo pubblicato su "Frontiers Immunology". Uno scudo genetico in sostanza potrebbe aver protetto l'Italia del Sud dallo tsunami Sars-CoV-2 che ha travolto le regioni del Nord. 

Coronavius, morti e contagi oggi in Italia: tutti i dati aggiornati



Numeri completamente diversi tra le Regioni del Sud e del Nord che hanno sorpreso gli studiosi che si interrogano sulle cause. Una spiegazione potrebbe ora arrivare dall’America e viene anticipata dal Prof. Antonio Giordano, fondatore e direttore dell’Istituto Sbarro per la ricerca sul cancro e la medicina molecolare di Filadelfia nonché professore di Anatomia patologica all’università degli Studi Siena. Intervistato dall’ ‘Adnkronos’ l’esperto ha spiegato il contenuto della ricerca pubblicata su ‘Frontiers Immunology’: “Stiamo conducendo uno studio importantissimo che si intitola ‘Covid-19 e alta mortalità in Italia: non dimentichiamo la suscettibilità genetica’. Uno ‘scudo genetico’ infatti potrebbe aver protetto l’Italia del Sud dallo tsunami Sars-CoV-2 che ha travolto le regioni del Nord. L’ipotesi è da validare prima di trarre conclusioni certe, ma è già fondata su solide basi scientifiche”.

 
 

Ultimo aggiornamento: Giovedì 28 Maggio 2020, 19:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA