Passaggi in auto agli studenti senza Green Pass: così i no-vax si organizzano su Telegram

Passaggi in auto agli studenti senza Green Pass: così i no-vax si organizzano su Telegram

Da oggi viaggiare sui mezzi pubblici senza vaccino e senza Green Pass è vietato

Per gli studenti senza Green Pass salire sui mezzi pubblici è sempre più complicato. Spunta un gruppo Telegram No Vax che si propone di risolvere il problema. Per chi deve andare a scuola, ma non è in possesso del Green Pass ecco il servizio di Trasporti urbani solidali, una sorta di car pooling per no pass e no vax che con un passaparola fornisce passaggi in auto a chi da oggi non può prendere il trasporto pubblico.

 

Leggi anche > Arriva il 'super Green pass', è record di download: 1,3 milioni scaricati nelle ultime 24 ore

 

 

Un'inziativa 'pirata' che potrebbe generare anche pericolosi focolai mettendo a contatto adulti e ragazzi non vaccinati a distanza ravvicinata chiusi in auto. L'intento anti vax dell'iniziativa è esplicitata nel messaggio che lo pubblicizza attraverso utenti social che poi linkano l'indirizzo del gruppo Telegram al quale bisogna iscriversi per usufruire del servizio.

 

«È nata una rete di trasporti (passaggi) urbani solidali, per aiutare chi deve andare a lavorare, a fare una vista ma, in particolare i ragazzi, gli studenti non automuniti, che dal 6 dicembre non potranno più andare a scuola usufruendo del servizio di trasporto pubblico locale e regionale senza dover esibire il Green Pass (quindi una rete nata affinché nessuno sia indotto a vaccinarsi o tamponarsi)», viene spiegato. I messaggi da pochi giorni girano nelle chat di classe e alcuni genitori hanno denunciato la pericolosa iniziativa. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 6 Dicembre 2021, 15:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA