Strage a Latina, Luigi aveva premeditato tutto. "Lettere sull'eredità e su come pagare i funerali"

  • 526
    share
Il carabiniere che ha quasi sterminato la sua famiglia per poi togliersi la vita, aveva premeditato tutto nei minimi particolari. Luigi Capasso, appuntato dei carabinieri che mercoledì ha sparato alla moglie Antonietta Gargiulo, ucciso le due figlie Alessia e Martina di 8 e 13 anni e poi si è suicidato, aveva programmato il suo massacro: a testimoniarlo ci sarebbero alcune lettere e assegni che gli sono stati trovati addosso.

LEGGI ANCHE ---> Perché aveva l'arma? Per gli psicologi era idoneo al servizio



Lettere e assegni erano indirizzate ai fratelli e ai genitori, scritte di suo pugno: in esse Capasso spiega il perché della sua decisione di ammazzare la sua famiglia, e dà indicazioni precise su come ripartire l'eredità, la casa coniugale, i risparmi, e persino come pagare i funerali.

LEGGI ANCHE ---> Il dramma di Antonietta: non sa ancora cos'è successo



Intanto Antonietta, 39 anni, è stata ieri sottoposta a intervento chirurgico maxillo facciale all'ospedale San Camillo di Roma: a quanto si apprende da fonti mediche, il decorso post operatorio è buono. La donna si trova ancora in terapia intensiva, è stata sedata ed è in prognosi riservata: non sa ancora ciò che è successo alle sue figlie e al marito.

Venerdì 2 Marzo 2018 - Ultimo aggiornamento: 17:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME