«Oca giuliva, poteva stare a casa e aiutare gli italiani». Insulti choc a Silvia Romano, la volontaria rapita in Kenya
di Simone Pierini

«Oca giuliva, poteva stare a casa e aiutare gli italiani». Insulti choc a Silvia Romano, la volontaria rapita in Kenya

  • 8 mila
    share
«Ennesima oca giuliva, poteva stare a casa e aiutare gli italiani». Questo è solo uno degli insulti recapitati a Silvia Romano, la volontaria di 23 anni rapita in Kenya in seguito ad un attacco armato in un mercato a 80 chilometri da Malindi. Ma il popolo della rete questa volta ha reagito con forza a questi attacchi gratuiti. In molti infatti al grido «poteva restare a casa» hanno risposto: «Chi scrive questo sono gli stessi che dicevano "aiutiamoli a casa loro", in realtà sono solo dei razzisti»

Chi è Silvia Romano, volontaria rapita in Kenya

Silvia Romano, volontaria italiana di 23 anni, rapita in Kenya​



Silvia Romano, 23 anni, milanese, si era laureata da poco e lavorava per una organizzazione con sede a Fano, nelle Marche, la Africa Milele Onlus. Era tornata in Italia a settembre ma poco dopo è subito ripartita perché «era quello che desiderava». Ora di lei gli sciacalli del web scrivono così: «Quanto ci costerà farla tornare a casa sua per sempre ma con obbligo di dimora e firma!» oppure «Lasciatela li, se è li che è voluta andare». 
 
 

Ma le risposte sono immediate: «Quindi quando uno dice: "Aiutiamoli a casa loro" lo dice solo così, per aprire bocca...» e «Viene rapita una volontaria di 23 anni in Kenya e il popolo degli #aiutiamoliacasaloro manifesta la loro solidarietà con 'poteva rimanere in Italia'. Ma quanto siete merde? #SilviaRomano»

«Il punto è aiutare i deboli - scrive una ragazza - L'unico modo di aiutare gli italiani, come dite, sarebbe combattere a morte altri italiani, ma quelli, invece, voi li votate. Per cui non rompeteci i coglioni se decidiamo di aiutare chi se lo merita. Qui, in Kenya o dove cazzo ci pare. #SilviaRomano».

«Non ci sono parole per commentare quello che sta accadendo. Silvia, siamo tutti con te. Africa Milele Onlus».
 Questa la scritta che appare sulla homepage del sito della onlus di Fano con cui era impegnata Silvia Romano.
Mercoledì 21 Novembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 15:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-11-23 18:20:14
Come? Riguardo alla maggioranza dei commenti letti, in tutta franchezza e onestà, come se fossi davanti a voi, non so se mi trasmette più ribrezzo la vostra ignoranza o la vostra apatia. La cosa spaventosa è che negli ultimi tempi non siete gli unici che vedo con tali peculiarità; pensare che quando esco di casa la mattina posso incrociarvi anche di sbieco mi lascia un senso di inquietudine addosso.
2018-11-23 11:59:43
Questa Ragazza invece di cercarsi una posizione lavorativa in italia si è dato al volontariato... (retribuito), e il suo gesto costerà agli italiani se ancora viva una bella e sostanziosa somma di denaro per farla liberare.
2018-11-22 11:59:54
Dvd _ diventare eroi? ma cosa c'entra?? Questa povera ragazza fa queste cose per umanità verso questa povera gente... tu hai mai fatto volontariato?? Non credo. p.s. chiedo alla redazione di pubblicare anche questi messaggi vedi il mio al posto di messaggi imbecilli come questi due dvd e dylanasso... si parla di una ragazza che é stata rapita.
2018-11-21 20:36:39
Voler diventare eroi
2018-11-21 15:33:20
In molti pensano cosi poteva restare in italia. E aiutare gli italiani!!! La razzisti è lei
DALLA HOME