Sana Cheema, l'italo pachistana uccisa perché non voleva sposarsi: «È stata strangolata»

Sana Cheema, la giovane italo-pachistana morta il 24 aprile in Pakistan in una vicenda di sospetto 'delitto d'onore', è stata strangolata secondo i risultati dell'autopsia realizzata dal Laboratorio forense del Punjab.
L'autopsia, rivela il rapporto di cui l'ANSA ha ricevuto un estratto, mostra che «l'osso del collo è stato rotto», indizio che orienta verso un decesso per strangolamento.

Sana, morta a 25 anni: «Non è stata sgozzata, è stato infarto». Liberi il padre e il fratello



La pakistana di 25 anni cresciuta a Brescia sarebbe stata uccisa durante un viaggio nel suo Paese perché intenzionata a sposare un italiano. Il padre, un fratello e uno zio sarebbero in stato di fermo con l'accusa di omicidio. La ragazza sarebbe stata uccisa per aver rifiutato un matrimonio combinato.
 
 

 

Mercoledì 9 Maggio 2018, 08:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA